Collegio di Roma, 16 luglio 2010, n.748

Collegio di Roma, 16 luglio 2010, n.748

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Conto Corrente Bancario / Chiusura ed estinzione, Conto Corrente Bancario / Successione mortis causa
  • Parole chiave: Conto Corrente Bancario, Erede, Richiesta di informazioni, Scioglimento del rapporto
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 16 luglio 2010, n.748
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Roma, 02 luglio 2010, n.664

Collegio di Roma, 02 luglio 2010, n.664

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Responsabilità della banca / Mutuo
  • Parole chiave: Danno morale, Limiti, Mutuo, Onere della prova, Rate, Richiesta di informazioni, Ritardi
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 02 luglio 2010, n.664
  • Scarica testo in pdf

 

Il fastidio e lo stress che il cliente possa aver sopportato per effetto dei ritardi e delle inadempienze della banca nei suoi confronti non sono infatti suscettibili di assurgere a rilevanza giuridica a titolo di danno c.d. morale, per la cui sussistenza il danneggiato è tenuto a dimostrare che, in conseguenza del comportamento della banca, si sia verificata la lesione di un bene della vita o di un interesse munito di rilievo e di tutela costituzionale.

Collegio di Roma, 23 aprile 2010, n.285

Collegio di Roma, 23 aprile 2010, n.285

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Indicazioni utili a migliorare le relazioni della banca con la clientela, Mutuo / Surrogazione e sostituzione
  • Parole chiave: Indicazioni volte a favorire le relazioni tra gli intermediari e la clientela, Mutuo, Richiesta di informazioni, Surrogazione, Tempistiche
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 23 aprile 2010, n.285
  • Scarica testo in pdf

Al fine di favorire le relazioni tra gli intermediari e la clientela in materia di surrogazione del muto, si evidenzia come: configura un notevole ritardo la replica della banca avvenuta dopo circa dieci mesi dalle richieste del cliente; la banca, anche laddove non sia indicata una banca surrogante, ben può comunque fornire i dati conoscitivi richiesti dal cliente sull’entità del residuo debito, comunque utili per una sua valutazione sull’opportunità di cercare altre soluzioni sul mercato.

Syndicate content