Collegio di Roma, 09 agosto 2010, n.879

Collegio di Roma, 09 agosto 2010, n.879

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Cambiali, Garanzia cambiaria, Indicazioni utili a migliorare le relazioni della banca con la clientela
  • Parole chiave: Finanziamento, In bianco, Indicazioni volte a favorire i rapporti fra clienti e intermediari, Principi di correttezza e di buona fede, Restituzione, Titolo cambiario, Violazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 09 agosto 2010, n.879
  • Scarica testo in pdf

 

Al fine di favorire i rapporti fra clienti e intermediari, si evidenzia come la richiesta o l’accettazione del rilascio di titoli cambiari in bianco, sia nella data che nell’ammontare, a garanzia dei finanziamenti erogati, è da ritenersi non conforme ai principi di correttezza e di buona fede cui gli intermediari sono tenuti ad attenersi nelle proprie relazioni d’affari (Disposizioni sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari, Sez. I, par. 1.3).

Collegio di Roma, 29 ottobre 2010, n.1213

Collegio di Roma, 29 ottobre 2010, n.1213

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Obbligo di preventivo reclamo
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Inammissibilità, Indennità di scoperto di conto, Necessario reclamo, Restituzione
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 29 ottobre 2010, n.1213
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 13 aprile 2010, n.221

Collegio di Milano, 13 aprile 2010, n.221

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Credito al consumo
  • Parole chiave: Contestazione di sottoscrizione da parte del cliente, Credito al consumo, Effetti, Restituzione
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 13 aprile 2010, n.221
  • Scarica testo in pdf

Il positivo accoglimento della contestazione della propria sottoscrizione da parte del cliente relativamente ad contratto avente ad oggetto un finanziamento già erogato e già regolarmente dallo stesso incassato, comporta la nullità dell’accordo con conseguente restituzione di quanto ricevuto in un’unica soluzione e non già l’accertamento della legittimità della sospensione delle rate di restituzione del prestito ottenuto.

Collegio di Roma, 22 marzo 2010, n.139

Collegio di Roma, 22 marzo 2010, n.139

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Deposito titoli in amministrazione / Spese e commissioni
  • Parole chiave: Commissione, Conto Corrente Bancario, Deposito di titoli in amministrazione, Manifestazione di volontà, Recesso del cliente, Restituzione
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 22 marzo 2010, n.139
  • Scarica testo in pdf

Syndicate content