Collegio di Milano, 09 luglio 2010, n.719

Collegio di Milano, 09 luglio 2010, n.719

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Home banking / Obblighi per il cliente
  • Parole chiave: Bonifici fraudolenti, Corretta digitazione dei codici, Doveri di custodia dei codici di accesso, Home banking, Imputabilità al cliente
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 09 luglio 2010, n.719
  • Scarica testo in pdf

 

Posto che nel servizio di home banking l’uso corretto dei codici di accesso consente l’identificazione del titolare e l’autorizzazione dei pagamenti disposti, i bonifici fraudolenti che siano stati eseguiti previa corretta digitazione di tali codici sono giuridicamente riconducibili al titolare del servizio.

Syndicate content