Collegio di Napoli, 15 luglio 2010, n.733

Collegio di Napoli, 15 luglio 2010, n.733

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Legittimazione passiva, R.I.D. (Rapporto Interbancario Diretto)
  • Parole chiave: Adiectus solutionis causa, Arbitro Bancario Finanziario, Indebito oggettivo, Intermediario ricevente, Legittimazione passiva, Operazioni di pagamento, RID
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 15 luglio 2010, n.733
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Napoli, 15 luglio 2010, n.733

Collegio di Napoli, 15 luglio 2010, n.733

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Principi processuali applicabili
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Bonifico, Concetto di cliente, Operazioni sul conto
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 15 luglio 2010, n.733
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 16 luglio 2010, n.743

Collegio di Milano, 16 luglio 2010, n.743

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Competenza
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Competenza, Deposito titoli in amministrazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 16 luglio 2010, n.743
  • Scarica testo in pdf

 

Deve affermarsi la competenza dell’ABF laddove la controversia abbia ad oggetto il contratto di deposito titoli in amministrazione, in quanto contratto bancario, e, specificamente, l’inadempimento, da parte dell’intermediario, dell’ordine ricevuto dalla cliente di dare seguito alla richiesta di trasferimento del deposito titoli intestato alla ricorrente.

Collegio di Napoli, 28 maggio 2010, n.462

Collegio di Napoli, 28 maggio 2010, n.462

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Competenza, Deposito titoli in amministrazione / Disciplina generale
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Competenza, Deposito di titoli in amministrazione, Natura
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 28 maggio 2010, n.462
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Napoli, 28 maggio 2010, n.458

Collegio di Napoli, 28 maggio 2010, n.458

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Centrale Rischi, Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Rapporti con altri procedimenti
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Centrale dei rischi, Illegittima segnalazione, Irricevibilità del ricorso, Procedimento cautelare, Rapporti con altri procedimenti
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 28 maggio 2010, n.458
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Napoli, 28 maggio 2010, n.454

Collegio di Napoli, 28 maggio 2010, n.454

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Leasing, Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Legittimazione attiva
  • Parole chiave: Accertamento della non risoluzione del rapporto, Arbitro Bancario Finanziario, Difetto di legittimazione, Garante, Leasing
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 28 maggio 2010, n.454
  • Scarica testo in pdf

 

Deve ritenersi fondata l’eccezione di difetto di legittimazione attiva del ricorrente in relazione alla domanda con cui chiede al Collegio di dichiarare che il contratto di leasing non si è risolto, posto che il ricorrente, qualificandosi come mero garante nei confronti dell’intermediario per il pagamento dei canoni, non è parte nel contratto e non ha, pertanto, titolo a far valere le relative pretese.

Collegio di Napoli, 03 giugno 2010, n.483

Collegio di Napoli, 03 giugno 2010, n.483

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Legittimazione passiva
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Difetto di legittimazione passiva, Finanziamento
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 03 giugno 2010, n.483
  • Scarica testo in pdf

 

Il mandato conferito all’intermediario per la stipula del contratto di finanziamento non comporta la legittimazione passiva di questi per le azioni dipendenti dal contratto medesimo (la legittimazione passiva relativamente alle quali compete, quindi, esclusivamente alla banca mandante).

Collegio di Milano, 25 maggio 2010, n.432

Collegio di Milano, 25 maggio 2010, n.432

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Competenza
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Fondi, Incompetenza per materia, Servizi di investimento
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 25 maggio 2010, n.432
  • Scarica testo in pdf

 

L’Arbitro Bancario Finanziario è incompetente a decidere delle domande aventi ad oggetto operazioni in “fondi”, i quali rientrano nell’ambito dei servizi e delle attività di investimento, il quali, ai sensi della Sez. I Par. 4 delle “Disposizioni sui sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari” della Banca d’Italia del 18 giugno 2009, devono ritenersi escluse dalla competenza dello stesso Arbitro.

Collegio di Roma, 02 luglio 2010, n.660

Collegio di Roma, 02 luglio 2010, n.660

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Competenza
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Incompetenza per materia, Servizi di investimento
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 02 luglio 2010, n.660
  • Scarica testo in pdf

 

L’Arbitro Bancario Finanziario è incompetente a decidere in ordine alle richiesta del ricorrente che, qualificandosi come "privato risparmiatore” ed asserendo di aver investito in un fondo definito a “basso rischio”, lamenti la grave perdita da investimento subita oltre alla mancata comunicazione di un eventuale aumento di rischio. Un siffatto ricorso, infatti, verterebbe in modo incontrovertibile nell’area dei Servizi di investimento.

Collegio di Napoli, 15 luglio 2010, n.731

Collegio di Napoli, 15 luglio 2010, n.731

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Legittimazione passiva
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Carte di credito, Legittimazione passiva della banca collocatrice, Struttura negoziale, Trilaterali
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 15 luglio 2010, n.731
  • Scarica testo in pdf

 

Condividi contenuti