Collegio di Roma, 28 luglio 2010, n.820

Collegio di Roma, 28 luglio 2010, n.820

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Responsabilità della banca / Nella fase delle trattative
  • Parole chiave: Accollo, Affidamento, Aggravante, Istruttoria, Mutuo, Quantificazione del danno, Responsabilità precontrattuale, Ritardi, Valutazione equitativa
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 28 luglio 2010, n.820
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Roma, 07 giugno 2010, n.502

Collegio di Roma, 07 giugno 2010, n.502

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Accollo
  • Parole chiave: Accollo, Applicabilità, Estinzione anticipata e portabilità, Limiti, Mutuo
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 07 giugno 2010, n.502
  • Scarica testo in pdf

 

Le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 dell’art. 7 D.L. 31/1/2007 n. 7 - le quali accordano al mutuatario di un mutuo, stipulato o accollato, il diritto di conseguire, senza oneri, l’estinzione anticipata e la portabilità del mutuo - devono ritenersi inapplicabili ai mutui accollati successivamente alla data di entrata in vigore della legge, ma stipulati prima di tale data.

Collegio di Roma, 07 giugno 2010, n.502

Collegio di Roma, 07 giugno 2010, n.502

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Accollo
  • Parole chiave: Accollo, Rilevanza esterna, Struttura
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 07 giugno 2010, n.502
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Roma, 07 giugno 2010, n.502

Collegio di Roma, 07 giugno 2010, n.502

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Accollo, Mutuo / Accollo
  • Parole chiave: Accollo, Effettivo legittimato a ricevere, Mutuo, Pagamento
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 07 giugno 2010, n.502
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Napoli, 29 ottobre 2010, n.1207

Collegio di Napoli, 29 ottobre 2010, n.1207

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Accollo, Centrale Rischi, Fideiussione, Centrali Rischi Finanziarie Private / Segnalazione illegittima e responsabilità
  • Parole chiave: Accollo, Centrale dei rischi, Fideiussore, Segnalazioni
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 29 ottobre 2010, n.1207
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Napoli, 29 ottobre 2010, n.1207

Collegio di Napoli, 29 ottobre 2010, n.1207

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Accollo
  • Parole chiave: Accollo, Convenzione di accollo, Natura ed effetti
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 29 ottobre 2010, n.1207
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Roma, 15 aprile 2010, n.234

Collegio di Roma, 15 aprile 2010, n.234

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Accollo, Responsabilità della banca / Mutuo
  • Parole chiave: Accollo, Accordo A.B.I. e associazioni dei consumatori, Estinzione del rapporto, Mutuo, Penali, Quantificazione del danno, Responsabilità della banca
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 15 aprile 2010, n.234
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Napoli, 05 maggio 2010, n.315

Collegio di Napoli, 05 maggio 2010, n.315

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Accollo, Mutuo / Accollo
  • Parole chiave: Accollo, Adesione della banca, Clausole contrattuali, Efficacia, Interpretazione, Mutuo
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 05 maggio 2010, n.315
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Milano, 19 maggio 2010, n.381

Collegio di Milano, 19 maggio 2010, n.381

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Accollo, Mutuo / Accollo
  • Parole chiave: Accollo, Liberazione del debitore originario, Mutuo, Obbligo di espressa pattuizione
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 19 maggio 2010, n.381
  • Scarica testo in pdf

In difetto di un diverso accordo fra le parti che in qualche modo deroghi alla disciplina di legge di cui all’art. 1273 cod. civ., deve ritenersi che, qualora intervenga un accollo, il creditore non ha alcun obbligo di determinarsi nel senso della liberazione dell’originario debitore. Ne consegue che, in con riferimento all’accollo di un mutuo, la banca ha la facoltà ma non l’obbligo di liberare l’originario debitore.

Collegio di Napoli, 19 marzo 2010, n.135

Collegio di Napoli, 19 marzo 2010, n.135

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Accollo, Trasparenza / Comunicazioni periodiche alla clientela, Mutuo / Trasparenza
  • Parole chiave: Accollo, Comunicazione periodica, Modifica delle condizioni economiche, Mutuo, Obbligo di rimborso, Trasparenza
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 19 marzo 2010, n.135
  • Scarica testo in pdf

Syndicate content