WEBINAR / 17 febbraio
Società quotate: le novità in materia di corporate governance


Raccomandazioni 2022 Comitato Corporate Governance e richiamo di attenzione Consob

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 28/01
WEBINAR / 17 febbraio
Società quotate: novità in materia di corporate governance

Mark to market

Giurisprudenza
Banca e Finanza Derivati

Interest Rate Swap: il mark to market nell’orientamento del Tribunale di Milano successivo alle SU

23 Ottobre 2020
[ Tribunale di Milano, 14 ottobre 2020, n. 6224 – G.U. Macripò ]
Il mark to market non costituisce l’oggetto del contratto di Interest Rate Swap, diversamente rappresentato dallo scambio di differenziali calcolati su un certo importo, detto nozionale, ad una determinata scadenza. Il mark to market costituisce invece un elemento diverso e
Giurisprudenza
Banca e Finanza Derivati

Swap: contratto nullo se privo dell’indicazione del mark to market e degli scenari probabilistici

10 Luglio 2020
[ Tribunale di Bergamo, 18 giugno 2020, n. 786 ]
Deve ritenersi nulla l’operazione di Interest Rate Swap per difetto di causa ex art. 1418 comma 2 c.c. e comunque per difetto di meritevolezza ex art. 1322 c.c., in conseguenza dell’omessa indicazione del valore del mark to market, del relativo
Editoriali
Mercati e finanza

Tutto ciò che è reale, se non è razionale, è nullo: ma quanto è reale la razionalità pretesa dalle sezioni unite? (Commento a Cass., sez. un., 12 maggio 2020, n. 8770)

8 Giugno 2020

Roberto Natoli

Professore ordinario di diritto dell’economia e dei mercati finanziari, Università di Palermo

1. – La corrispondenza tra il chiesto e il pronunciato vale per molti, ma non per tutti. La questioni sollevate dall’ordinanza di rinvio[1] erano infatti queste: a) se lo swap con up front implichi una forma di indebitamento per l’ente
Giurisprudenza
Banca e Finanza Derivati

Derivati: informativa sul mark to market e sugli scenari probabilistici da fornire in sede precontrattuale

3 Aprile 2020
[ Tribunale di Firenze, 25 febbraio 2020, n. 561 – G.U. Ghelardini ]
In tema di negoziazione di contratti derivati, l’intermediario finanziario deve osservare gli obblighi informativi previsti dalla normativa di settore già (e soprattutto) nella fase di formazione dell’accordo contrattuale, in modo da consentire all’investitore di valutare e graduare consapevolmente il rischio
Giurisprudenza
Banca e Finanza Derivati

Il mark to market non è un elemento essenziale del contratto

29 Gennaio 2020

Paolo Sobrini, Zitiello Associati

[ Tribunale di Milano, 2 dicembre 2019, n. 11088 – G.U. Stefani ]
Il Tribunale di Milano, con la sentenza n. 11088 del 2 dicembre 2019, è tornato ad affrontare uno dei temi attualmente più caldi e irrisolti nell’ambito del contenzioso finanziario, ovvero la questione della rilevanza giuridica del mark to market.I fatti
Giurisprudenza
Banca e Finanza Derivati

Mark to market: ultimi orientamenti della Corte d’Appello di Milano

11 Dicembre 2019

Paolo Francesco Bruno, Partner, La Scala Società tra Avvocati, Team Contenzioso Finanziario

[ Corte d’Appello di Milano, 5 novembre 2019, n. 4389 – Pres. Rel. Meroni ]
Ciò che rappresenta nel panorama Giurisprudenziale un elemento sul quale è ancora vivo il dibattito, sebbene (come vedremo) esistenti anche recenti interventi della Suprema Corte, è l’interpretazione del mark to market (o costo di sostituzione) del contratto derivato ed il
Giurisprudenza
Banca e Finanza Derivati

La mancata indicazione specifica del Mark to Market non comporta nullità del contratto derivato

25 Gennaio 2019

Avv. Domenico Gaudiello, Partner, Responsabile del Dipartimento di Finanza Pubblica, Avv. Sebastian Roberti, Associate, Dipartimento di Finanza Pubblica, CMS

[ Corte d’Appello di Milano, 27 dicembre 2018, n. 5788 – Pres. Formaggia, Rel. Croci ]
Con la sentenza n. 5788 del 27 dicembre 2018 la Corte di Appello di Milano torna ad affrontare le questioni inerenti l’indicazione del valore del Mark to Market al momento della stipula di un contratto di Interest Rate Swap (IRS),
Giurisprudenza
Banca e Finanza Derivati

Mark to Market: l’intermediario deve comunicarne il valore al cliente

3 Gennaio 2019
[ Tribunale di Verona, 9 novembre 2018 – G.U. Massimo Vaccari ]
Incombe sull’intermediario l’onere di comunicare al cliente, (non necessariamente in forma scritta), il valore del mark to market al fine di consentirgli di conoscere il guadagno o la perdita che può ricavare dall’operazione in derivati nel caso in cui decidesse
Giurisprudenza
Banca e Finanza Derivati

Interest rate swap: inapplicabilità della disciplina antiusura e nullità del contratto per mancata indicazione del mark to market

20 Dicembre 2018
[ Tribunale di Bologna, 29 novembre 2018, n. 20990 – G.U. Arceri ]
La disciplina anti-usura non si applica ai contratti aleatori, quali sono i contratti derivati, in quanto caratterizzati dal rischio e, dunque, dall’impossibilità di stabilire a priori l’an e il quantum del vantaggio.
Giurisprudenza
Banca e Finanza Derivati

Swap: la mancata informativa su MTM e scenari probabilistici non rileva ai fini della validità del contratto

19 Giugno 2018
[ Corte d’Appello di Milano, 11 giugno 2018, n. 2859 – Pres. Bonaretti, Rel. Catalano ]
Nei contratti di swap la componente aleatoria è intrinseca alla natura del derivato, che può ritenersi una “scommessa” legalizzata a fronte di un interesse meritevole di tutela; tale componente aleatoria deve ritenersi caratterizzare sia il derivato di copertura, sia il
Giurisprudenza
Banca e Finanza Derivati

Swap: la Corte d’appello di Brescia richiede mark to market, modello di calcolo e scenari probabilistici

18 Gennaio 2018

Avv. Maria Indolfi, Associate in Studio Legale Bonora e Associati

[ Corte d’Appello di Brescia, 11 gennaio 2018, n. 8 – Pres. Pianta, Rel. Vilona ]
Il caso di specie origina dalla sottoscrizione di un mutuo ipotecario a tasso variabile per l’acquisto di una prima casa, collegato ad un irs “a copertura” del rischio di aumento del costo del denaro.Tuttavia, la dichiarata funzione di copertura del
Giurisprudenza
Banca e Finanza Derivati

La valutazione sul MTM dei derivati non può rappresentare una notizia “falsa” o “fuorviante” ex art. 187-ter TUF

12 Ottobre 2016

Avv. Vittorio Mirra, Professore a contratto di Diritto dei mercati e degli intermediari finanziari – Corso progredito, LUISS Guido Carli, Roma

[ Cassazione Civile, Sez. II, 8 agosto 2016, n. 14059 ]
Il presente contributo è frutto esclusivo delle opinioni personali dell’autore, che non impegnano in nessun modo l’Istituto di appartenenza (Consob). Con la sentenza n. 14059, pubblicata l’8 agosto 2016, la seconda sezione civile della Corte di Cassazione si occupa dell’interpretazione della

WEBINAR / 25 gennaio
Doveri degli amministratori e azioni di responsabilità nel Codice della Crisi e riforma 2021
ZOOM MEETING Offerta per iscrizioni entro l'11/01
Iscriviti alla nostra Newsletter