Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1016

Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1016

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Commissione di massimo scoperto, Apertura di credito / Spese e commissioni
  • Parole chiave: Art. 2 bis co. 1 D.L. 185/2008 – Nullità, Clausola, Commissione Disponibilità Fondi
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1016
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1016

Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1016

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Commissione di massimo scoperto, Ius variandi (art. 118 TUB) / Obbligo di comunicazione
  • Parole chiave: Art. 118 TUB, Circostanze rilevanti, Commissione di massimo scoperto, Ius variandi, Onere della prova
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1016
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1016

Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1016

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Commissione di massimo scoperto, Ius variandi (art. 118 TUB) / Obbligo di comunicazione
  • Parole chiave: Commissione di massimo scoperto, Commissione Disponibilità Fondi, Ius variandi, Obbligo di comunicazione, Onere della prova
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1016
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1012

Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1012

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Commissione di massimo scoperto
  • Parole chiave: Art. 2-bis comma 1 L. 2/2009, Clausola specifica, Commissione di massimo scoperto, Nullità
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1012
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Roma, 24 settembre 2010, n.980

Collegio di Roma, 24 settembre 2010, n.980

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Commissione di massimo scoperto, Ius variandi (art. 118 TUB) / Giustificato motivo
  • Parole chiave: Commissione di Affidamento (CAF), Commissione di massimo scoperto, Giustificato motivo, Inopponibilità al cliente, Insussistenza, Ius variandi
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 24 settembre 2010, n.980
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 17 settembre 2010, n.942

Collegio di Milano, 17 settembre 2010, n.942

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Commissione di massimo scoperto
  • Parole chiave: 5%, Commissioni di massimo scoperto, Limite di legge del 0, Violazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 17 settembre 2010, n.942
  • Scarica testo in pdf

 

In materia di commissioni di massimo scoperto (CMS), l'art. 2-bis, comma 1, D.L. 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla L. 28 gennaio 2009, n. 2, stabilisce che la misura massima dell’addebito commissionale trimestrale non può eccedere lo 0,5%. Ne consegue che deve ritenersi illegittima la commissione pari all’1% trimestrale, palesemente in eccedenza rispetto al limite normativo dello 0,5%, a nulla rilevando che in concreto che la misura applicata sia conforme al predetto limite.

Collegio di Milano, 17 settembre 2010, n.940

Collegio di Milano, 17 settembre 2010, n.940

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Commissione di massimo scoperto
  • Parole chiave: Commissione di massimo scoperto, Conto Corrente Bancario, Illegittimità, Spese per il passaggio a debito di conti non affidati
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 17 settembre 2010, n.940
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.860

Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.860

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Commissione di massimo scoperto
  • Parole chiave: Clausola contrattuale, Commissione di massimo scoperto, Indeterminatezza o indeterminabilità dell’oggetto, Nullità, Ripetibilità
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.860
  • Scarica testo in pdf

 

E' nulla per indeterminatezza o indeterminabilità dell’oggetto la clausola contenuta nel contratto di conto corrente la quale non definisca le modalità di calcolo della “Commissione di massimo scoperto”, ma si limiti ad indicare un’aliquota dello 0,20% da applicarsi sia sullo “scoperto garantito” che allo “scoperto non garantito”. Ne consegue il diritto del cliente alla ripetizione di quanto indebitamente versato.

Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.860

Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.860

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Commissione di massimo scoperto, Trasparenza / Spese e commissioni
  • Parole chiave: Art. 117 comma 4 TUB, Clausola contrattuale, Commissione di massimo scoperto, Istruzioni di vigilanza della Banca d’Italia, Trasparenza, Violazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.860
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.849

Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.849

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Commissione di massimo scoperto, Ius variandi (art. 118 TUB) / Disciplina generale, Apertura di credito / Spese e commissioni
  • Parole chiave: Apertura di credito, Art. 118 TUB, Commissione di “Disponibilità immediata fondi, DIF”, Ius variandi
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.849
  • Scarica testo in pdf

 

Syndicate content