Collegio di Milano, 23 marzo 2010, n.146

Collegio di Milano, 23 marzo 2010, n.146

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Rinegoziazione
  • Parole chiave: Mutuo, Obblighi per la banca, Rinegoziazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 23 marzo 2010, n.146
  • Scarica testo in pdf

Non può essere accolta la domanda con cui il ricorrente, imputando all’intermediario la mancata surroga del contratto di mutuo a condizioni più favorevoli con altro intermediario, chieda la rinegoziazione del tasso d’interesse del contratto di mutuo (da fisso a variabile), posto che non si rinviene alcuna norma in materia che in qualche modo imponga all’intermediario siffatta condotta.

Collegio di Milano, 03 dicembre 2010, n.1400

Collegio di Milano, 03 dicembre 2010, n.1400

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Rinegoziazione
  • Parole chiave: Autonomia contrattuale, Limiti, Mutuo, Obblighi del mutuatario, Rinegoziazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 03 dicembre 2010, n.1400
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Milano, 25 ottobre 2010, n.1162

Collegio di Milano, 25 ottobre 2010, n.1162

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Rinegoziazione
  • Parole chiave: Autonomia della banca, Mutuo, Richiesta di rinegoziazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 25 ottobre 2010, n.1162
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 15 settembre 2010, n.936

Collegio di Milano, 15 settembre 2010, n.936

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Rinegoziazione
  • Parole chiave: Limiti, Mutuo, Rinegoziazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 15 settembre 2010, n.936
  • Scarica testo in pdf

 

La modifica delle condizioni contrattuali non può essere imposta a nessuna delle parti e, pertanto, la rinegoziazione risulta possibile solo quando banca e debitore sono concordi sulle variazioni da apportare; tale opportunità si traduce dunque in una facoltà concessa alle parti e non in un diritto stabilito dal legislatore a favore del mutuatario. 

Collegio di Napoli, 02 agosto 2010, n.842

Collegio di Napoli, 02 agosto 2010, n.842

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Rinegoziazione
  • Parole chiave: Accordo di rinegoziazione del tasso, Applicabilità ratione temporis, Art. 7 D.L. 07/2007, Mutuo ipotecario, Nullità, Penale di estinzione
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 02 agosto 2010, n.842
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.852

Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.852

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Rinegoziazione
  • Parole chiave: Mutuo, Prima casa, Rinegoziazione, Tasso soglia
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.852
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Roma, 09 luglio 2010, n.711

Collegio di Roma, 09 luglio 2010, n.711

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Rinegoziazione
  • Parole chiave: Art. 3, Conversione da tasso fisso a tasso variabile, D.L. 27 maggio 2008, Limiti, Mutui, n. 93, Rinegoziazione mutui per la prima casa
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 09 luglio 2010, n.711
  • Scarica testo in pdf

 

L’ipotesi di rinegoziazione di cui all’art. 3, d.l. 27 maggio 2008, n. 93, convertito in L. 24 luglio 2008, n. 126, ha esclusivo riguardo ai mutui a tasso variabile e non all’ipotesi in cui il cliente chieda la conversione del contratto di mutuo da tasso fisso a tasso variabile.

Collegio di Roma, 09 luglio 2010, n.711

Collegio di Roma, 09 luglio 2010, n.711

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Rinegoziazione
  • Parole chiave: Art. 8, Autonomia contrattuale della banca, D.L. 31 gennaio 2007, Mutuo, n. 7, Richiesta del cliente, Rinegoziazione, terzo comma
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 09 luglio 2010, n.711
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 23 giugno 2010, n.597

Collegio di Milano, 23 giugno 2010, n.597

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Rinegoziazione
  • Parole chiave: Mutuo, Necessario consenso della banca, Rinegoziazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 23 giugno 2010, n.597
  • Scarica testo in pdf

 

Per quanto la rinegoziazione dei contratti di mutuo sia incentivata ed agevolata da norme speciali, essa esige pur sempre che tra le parti si formi un nuovo accordo, per la formazione del quale non basta una mera proposta, ma ne occorre anche l’accettazione. In tal senso, la modifica dei termini del contratto di mutuo non può prescindere dal consenso della banca, nella sua veste di controparte contrattuale.

Collegio di Roma, 12 novembre 2010, n.1306

Collegio di Roma, 12 novembre 2010, n.1306

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Rinegoziazione
  • Parole chiave: Autonomia contrattuale, Mutuo, Rinegoziazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 12 novembre 2010, n.1306
  • Scarica testo in pdf

Syndicate content