Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.869

Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.869

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Apertura di credito / Istruttoria
  • Parole chiave: Apertura di credito, Comunicazione, Diniego, Finanziamento, Istruttoria, Limiti, Obblighi per la banca
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.869
  • Scarica testo in pdf

 

Relativamente all’obbligo dell’intermediario di comunicare l’esito dell’istruttoria all’interessato e sulle formalità da osservare, non si rinvengono apposite procedure che fissino i tempi e le modalità di comunicazione. Ne consegue che, la comunicazione del diniego del rinnovo del finanziamento avvenuta "per le vie brevi", non appare suscettibile di essere qualificata come illecita o illegittima.

Collegio di Napoli, 13 maggio 2010, n.366

Collegio di Napoli, 13 maggio 2010, n.366

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Apertura di credito / Istruttoria
  • Parole chiave: Affidamento del cliente, Apertura di credito, Diniego, Istruttoria, Morosità, Richiesta
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 13 maggio 2010, n.366
  • Scarica testo in pdf

Pur in pendenza di trattative, appare del tutto legittima la determinazione reiettiva dell’istanza di finanziamento presentata dal cliente con cui l’Intermediario, in maniera motivata, ragionevole e tempestiva, dia conto della sua determinazione negativa in presenza di una situazione di mora nel debito che lo stesso cliente abbia verso altro soggetto del Gruppo.

Collegio di Napoli, 13 maggio 2010, n.366

Collegio di Napoli, 13 maggio 2010, n.366

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Apertura di credito / Istruttoria
  • Parole chiave: Apertura di credito, Conclusione del contratto, Istruttoria, Parere favorevole
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 13 maggio 2010, n.366
  • Scarica testo in pdf

L’acquisizione da parte del cliente di un parere favorevole dell’Ufficio preposto per la Banca all’espressione del parere preliminare all’eventuale conclusione del negozio di c.d. affidamento, rilasciato nell’ambito di un più complesso procedimento non giunto tuttavia a conclusione, non integra in alcun modo un consenso rilevante da parte della banca stessa in ordine alla conclusione del contratto.

Collegio di Napoli, 05 maggio 2010, n.317

Collegio di Napoli, 05 maggio 2010, n.317

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Apertura di credito / Istruttoria, Responsabilità della banca / Nella fase delle trattative
  • Parole chiave: Danno, Diniego, Finanziamento, Onere probatorio, Responsabilità precontrattuale
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 05 maggio 2010, n.317
  • Scarica testo in pdf

In materia di responsabilità precontrattuale in capo all’intermediario per mancata concessione del fido richiesto, le fatture emesse a fronte di obblighi assunti prima della presentazione della domanda di affidamento non possono essere ricondotte ad atti compiuti dal richiedente confidando legittimamente nella concessione del fido e poi risoltisi, a causa del mancato credito, in un danno.

Collegio di Napoli, 05 maggio 2010, n.317

Collegio di Napoli, 05 maggio 2010, n.317

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Apertura di credito / Istruttoria
  • Parole chiave: Finanziamento, Istruttoria, Natura
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 05 maggio 2010, n.317
  • Scarica testo in pdf

Syndicate content