WEBINAR / 21 giugno
Aspettative di vigilanza Banca d’Italia sui rischi climatici e ambientali


Documento Banca d'Italia 8 Aprile 2022

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 31/05

WEBINAR / 21 giugno
Aspettative di vigilanza Banca d’Italia sui rischi climatici e ambientali
www.dirittobancario.it
Flash News

Presentazione della lista del CdA uscente: pubblicato il richiamo di attenzione Consob

22 Gennaio 2022
Di cosa si parla in questo articolo

Consob ha pubblicato il richiamo di attenzione n. 1/22 del 21 gennaio 2022 sulla presentazione di una lista da parte del consiglio di amministrazione per il rinnovo del medesimo consiglio.

L’art. 147-ter del D.Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998 (TUF), disciplina le modalità di elezione dei consigli di amministrazione delle società quotate italiane, disponendo che la nomina avvenga sulla base di liste presentate da soci titolari di una partecipazione qualificata individuata anche sulla base della regolamentazione della Consob.

Alcuni emittenti quotati hanno previsto nel proprio statuto la possibilità che anche il consiglio di amministrazione presenti una lista di candidati per il rinnovo del consiglio medesimo, sebbene tale facoltà non sia contemplata nel TUF.

All’analisi del tema della presentazione di una lista da parte del consiglio di amministrazione uscente per il rinnovo del medesimo consiglio

Il tema della presentazione della lista del Consiglio di Amministrazione uscente verrà affrontato nella sessione pomeridiana del webinar del 17 febbraio sulle novità in materia di corporate governance per le società quotate

Con il presente richiamo di attenzione Consob intende segnalare alcuni aspetti critici connessi alla presentazione della lista di candidati da parte del CdA e alcuni accorgimenti per mitigare queste criticità.

Resta ferma la possibilità per gli emittenti di valutare le misure che ritengono più adeguate tenendo conto dei propri assetti proprietari e di governance e fermo restando che la Consob – nella propria attività di vigilanza – terrà conto delle specificità delle singole fattispecie.

In tal senso, il presente provvedimento non è un atto regolamentare né contiene richieste informative cogenti ai sensi dell’art. 114 del TUF né, infine, raccomandazioni, ma intende richiamare l’attenzione delle società quotate e dei loro azionisti su alcune misure di trasparenza e condotta, anche emerse dalla prassi applicativa.

Puoi trovare maggiori informazioni sul programma e sulle modalità di iscrizione del corso del 17 febbraio nella pagina dedicata all’evento

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 10 giugno
La Direttiva su gestori ed acquirenti di NPL bancari


Impatto regolamentare e prospettive per il mercato secondario italiano

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/05