WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche


Novità normative e problematiche attuali

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 19/06


WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

L’opposizione del socio escluso di una società cooperativa proposta innanzi al collegio arbitrale: la questione ancora aperta della decadenza

18 Novembre 2015

Nicolò Piccaluga, trainee lawyer presso Giovanardi e Associati Studio Legale

Cassazione Civile, Sez. I, 07 ottobre 2015, n. 20101

Di cosa si parla in questo articolo

La Prima Sezione della Corte di Cassazione, con la pronuncia n. 20101 del 7 ottobre 2015, ha chiesto al Primo Presidente della Corte di rimettere alle Sezioni Unite una delicata questione relativa al rapporto tra l’arbitrato e la decadenza prevista, prima della riforma del diritto societario del 2003, dall’art. 2527, c.c., comma 3.

Tale norma prevedeva infatti che al socio escluso di una società cooperativa spettasse proporre opposizione avanti al tribunale entro trenta giorni dalla comunicazione. Nel caso di specie, la decisione impugnata ha escluso la decadenza dei soci dalla proposizione dell’opposizione proposta, in forza di una clausola compromissoria prevista in via statutaria, non ad un tribunale ma bensì ad un collegio arbitrale. La Corte di Appello di l’Aquila, richiamando uno specifico orientamento degli Ermellini secondo cui la relativa previsione normativa avrebbe carattere dispositivo, ha affermato che “la previsione della clausola compromissoria comporterebbe rinuncia a tale disciplina, con conseguente inapplicabilità del termine di decadenza di trenta giorni per la proposizione dell’opposizione”.

É opportuno rilevare che, sebbene la citata pronuncia della Corte di Cassazione riguardi l’art. 2887 c.c. (in materia di società semplice), la sostanza non muta poiché in entrambi i casi si tratta di stabilire se la previsione di una clausola compromissoria comporti l’elisione del termine di decadenza in esame.

Il collegio giudicante ha pertanto ritenuto meritevole di rimeditazione il citato orientamento della Suprema Corte ed ha optato per la rimessione degli atti al Primo Presidente “affinché valuti l’opportunità di assegnare la trattazione del ricorso alle Sezioni Unite”.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche


Novità normative e problematiche attuali

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 19/06


WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06

Iscriviti alla nostra Newsletter