WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale


Impatti per il settore finanziario

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 03/02

WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

L’accertamento dello stato di insolvenza non presuppone la verifica definitiva della pretesa creditizia

23 Luglio 2018

Massimiliano Arrigo

Cassazione Civile, Sez. VI, 28 marzo 2018, n. 7589 – Pres. Campanile, Rel. Di Virgilio

Di cosa si parla in questo articolo

Ai fini del giudizio di sussistenza dello stato di insolvenza, ex art. 5 legge fall., non occorre l’accertamento definitivo dei crediti, sostanziandosi detto giudizio nella valutazione complessiva di uno stato di impotenza patrimoniale, non transitorio, al regolare adempimento delle proprie obbligazioni, che ben può essere condotto alla stregua dell’inadempimento anche di un solo credito.

Nel caso di specie, la Suprema Corte ha respinto il ricorso presentato avverso la sentenza dichiarativa di fallimento, posto che l’accertamento dello stato di insolvenza non implica una verifica definitiva del credito, potendo la dichiarazione di fallimento persino fondarsi su un unico ed ingente inadempimento allorché sia indicativo di uno stato di illiquidità da cui si evinca “l’incapacità dell’impresa stessa di rendere sostenibile la struttura finanziaria della società”.

 

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale


Impatti per il settore finanziario

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 03/02

WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/01
Iscriviti alla nostra Newsletter