WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06


WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024. Novità per le banche e problematiche operative
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Insinuazione al passivo del credito da saldo negativo di conto corrente e onere di specifica contestazione del curatore

7 Marzo 2019

Guido Hassan

Cassazione Civile, Sez. I, 12 settembre 2018, n. 22208 – Pres. De Chiara, Rel. Pazzi

Di cosa si parla in questo articolo

Nella fattispecie in esame, la Corte di Cassazione, pur riconoscendo che secondo consolidata giurisprudenza di legittimità la banca che prospetti una ragione di credito verso il fallito derivante da un rapporto obbligatorio regolato in conto corrente di cui chieda lammissione al passivo abbia lonere di produrre la documentazione relativa allo svolgimento del rapporto, esclude che in ambito di insinuazione al passivo lestratto conto debba essere considerato in via generalizzata privo di qualsiasi valore probatorio.

Sebbene non operino nei confronti del curatore gli effetti di cui allart. 1832 c.c., sullo stesso incombe il dovere di procedere ad una verifica della documentazione prodotta dal creditore che si insinua al passivo e dunque ad un controllo delle emergenze dellestratto conto secondo le risultanze in suo possesso.

Ne consegue che, ove il curatore nulla abbia osservato in merito allevoluzione storica del rapporto contrattuale nei limiti rappresentati allinterno dellestratto conto integrale depositato, il Tribunale non potrà pretendere ulteriore documentazione a suffragio dei fatti storici in questo modo risultanti, pur mantenendo, come per regola generale, ogni più ampia possibilità di sollevare dufficio le eccezioni non rilevabili ad esclusiva istanza di parte.

Ad avviso della Corte di Cassazione, infatti, nell’insinuare al passivo il credito derivante da saldo negativo di conto corrente la banca ha l’onere di dare conto dell’intera evoluzione del rapporto tramite il deposito degli estratti conto integrali; il curatore, eseguite le verifiche di sua competenza, ha l’onere di sollevare specifiche contestazioni in relazione a determinate poste, in presenza delle quali la banca ha a sua volta l’onere di integrare la documentazione, o comunque la prova, del credito relativamente alle contestazioni sollevate; il giudice delegato o, in sede di opposizione, il Tribunale, in mancanza di contestazioni del curatore, è tenuto a prevedere atto dell’evoluzione storica del rapporto contrattuale come rappresentata negli estratti conto, pur conservando il potere di rilevare d’ufficio ogni eccezione non rimessa alle sole parti, che si fondo sui fatti in tal modo acquisiti al giudizio.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06

Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter