WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/01

WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Il compenso da carica sociale svolta dal professionista non è soggetto ad IRAP

11 Luglio 2018

Sara Tonolli

Cassazione Civile, Sez. VI, 15 febbraio 2018, n. 3790 – Pres. Rel. Cirillo

Di cosa si parla in questo articolo

In questa pronuncia, la Corte di Cassazione dà continuità al proprio indirizzo secondo il quale il professionista, che svolga anche l’attività di amministratore, revisore o sindaco di una società, non è soggetto a IRAP per il reddito netto di tali attività, perché la base imponibile di tale imposta è la sola eccedenza dei compensi professionali rispetto alla produttività autorganizzata.

Già in altre occasioni la Corte di Cassazione ha avuto modo di precisare che le suddette cariche svolte presso società terze sono riconducibili non allo studio associato di cui il professionista fa parte, ma alle compagini societarie cui dette cariche si riferiscono e sono pertanto estranee all’autonoma organizzazione dello stesso, che costituisce presupposto impositivo dell’IRAP.

Ne consegue che, quando i compensi derivanti da dette attività siano scorporabili da quelli realizzati come professionista, e sia altresì possibile verificare la sussistenza o meno dei presupposti impositivi dell’IRAP per entrambe le attività, il segmento di ricavo netto conseguito dal professionista come amministratore/sindaco/revisore in una società terza non è soggetto all’imposta in oggetto.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/01
Iscriviti alla nostra Newsletter