WEBINAR / 08 luglio
Clausole abusive nei contratti bancari


Il superamento del giudicato implicito alla luce della Corte di Giustizia UE

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 24/06

WEBINAR / 08 luglio
Clausole abusive nei contratti bancari - Il superamento del giudicato implicito
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

I versamenti a titolo di finanziamento non integrano la “bancarotta riparata”

27 Gennaio 2021

Enrico Pezzi, dottore di ricerca in Studi Giuridici Comparati ed Europei, curriculum di diritto e procedura penale e filosofia del diritto, Università di Trento

Cassazione Penale, Sez. V, 17 settembre 2020, n. 31806 – Pres. Sabeone, Rel. Francolini

Di cosa si parla in questo articolo

La Suprema Corte ribadisce il proprio consolidato orientamento secondo cui la c.d. bancarotta riparata si configura “quando la sottrazione dei beni facenti parte del compendio aziendale viene annullata da un’attività di segno contrario, che reintegri il patrimonio dell’impresa prima della soglia cronologica costituita dalla dichiarazione di fallimento e così annulli il pregiudizio per i creditori o anche solo la potenzialità di un danno” (ex multis, Cass. pen., Sez. V, 04 novembre 2014, n. 52077; Cass. pen., Sez. V, 20 ottobre 2015, n. 4790; Cass. pen., Sez. V, 24 novembre 2017, n. 57759).«»

Nello specifico, presupposto necessario per l’applicazione di tale istituto, che determina l’insussistenza dell’elemento materiale del reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale, è che le somme versate abbiano una effettiva funzione reintegratrice del patrimonio, non rilevando i versamenti fatti ad altro titolo, come quelli effettuati a titolo di finanziamento. L’erogazione di un finanziamento infatti, pur determinando un immediato incremento delle disponibilità finanziarie, è operazione gravata dall’obbligazione restitutoria: pertanto esso non costituisce un’effettiva reintegrazione del patrimonio della società, la quale rimane obbligata alla restituzione, sia pure con postergazione rispetto al soddisfacimento degli altri creditori, ex art. 2467 c. 1 c.c. (per approfondimenti in tema di bancarotta riparata, C. Pedrazzi, sub Art. 216, in C. Pedrazzi, F. Sgubbi, Reati commessi dal fallito. Reati commessi da persone diverse dal fallito, in F. Galgano (a cura di), Commentario Scialoja-Branca. Legge fallimentare. Art. 216-227, Bologna, 1995, 72; O. Zampano, Bancarotta «riparata» e principio di offensività, in RTDPE, 2006, 745).

 

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 08 luglio
Clausole abusive nei contratti bancari


Il superamento del giudicato implicito alla luce della Corte di Giustizia UE

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 24/06
Iscriviti alla nostra Newsletter