Crisi bancarie
30/09/2020

BRRD II: i nuovi orientamenti della Commissione europea

Pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 29 settembre 2020 la Comunicazione della Commissione europea relativa all’interpretazione di talune disposizioni giuridiche del quadro riveduto della Direttiva (UE) 2019/879 (BRRD II) per la risoluzione delle banche alle domande poste dalle autorità degli Stati membri.

Su punto si ricorda come il pacchetto di riforma del settore bancario adottato nel 2019 comprende, fra l’altro, modifiche al quadro per la risoluzione delle banche dell’Unione tramite la Direttiva (UE) 2019/879 (BRRD II) che modifica la direttiva 2014/59/UE (Direttiva sul risanamento e la risoluzione delle banche - BRRD) e il Regolamento (UE) 2019/877 (SRM II) che modifica il Regolamento (UE) n. 806/2014 (Regolamento sul meccanismo di risoluzione unico - SRMR).

La riforma attua nell’Unione la norma internazionale sulla capacità di assorbire completamente le perdite (Total Loss-Absorbing Capacity, TLAC) per le banche di importanza sistemica a livello globale, adottata dal Consiglio per la stabilità finanziaria nel novembre 2015, e migliora l’applicazione del requisito minimo di fondi propri e passività ammissibili (minimum requirement for own funds and eligible liabilities, MREL) per tutte le banche.

Il quadro riveduto dovrebbe meglio garantire che l’assorbimento delle perdite e la ricapitalizzazione delle banche avvengano con mezzi privati qualora esse incorrano in difficoltà finanziarie e siano successivamente sottoposte a risoluzione.

A norma dell’articolo 3, paragrafo 1, della Direttiva (UE) 2019/879, gli Stati membri dovrebbero recepire le disposizioni di tale direttiva negli ordinamenti nazionali entro il 28 dicembre 2020.

Al fine di facilitare un recepimento tempestivo, coerente e accurato, la Commissione fornisce nell’allegato della presente comunicazione le risposte alle domande sollevate dalle autorità degli Stati membri in merito all’interpretazione di talune disposizioni BRRD e alle loro interazioni con l’SRMR, il Regolamento (UE) n. 575/2013 (regolamento sui requisiti patrimoniali – CRR) e la direttiva 2013/36/UE del Parlamento europeo e del Consiglio (direttiva sui requisiti patrimoniali – CRD IV).

Delle novità introdotte dalla Direttiva 2019/879 (BRRD II), nonché dal Regolamento (EU)2019/876 (CRR II) e dalla Direttiva 2019/878 (CRD V) parleremo al WebSeminar del prossimo 23 ottobre. Di seguito il programma e le modalità di iscrizione.

 

SESSIONE POMERIDIANA
 
BRRD II: le novità in materia di risanamento e sulla risoluzione degli enti
  • Le novità in materia di regolamentazione di MREL (Minimum Requirement for own funds and Eligible Liabilities) e di TLAC (Total Loss Absorbing Capacity)
  • Le novità in materia di Calibration
  • Internal ed external TLAC
  • La disciplina del MREL nel gruppo bancario
  • [...]

 

 

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.