Antiriciclaggio
21/05/2015

Regole più stringenti in materia di antiriciclaggio dal Parlamento Europeo e dal Consiglio

Il 20 maggio il Parlamento Europeo e il Consiglio hanno approvato nuove e più stringenti regole in materia di antiriciclaggio al fine di prevenire l’evasione fiscale e il finanziamento al terrorismo, in particolare modificando la “Terza Direttiva Antiriciclaggio” (Direttiva 2005/60/CE).

Elemento centrale della nuova regolazione, contenuta in una Direttiva, è l’introduzione dell’obbligo per gli Stati Membri di istituire registri centrali dove dovranno essere iscritti i nominativi dei titolari effettivi delle partecipazioni in società e altre entità (cosiddetti “ultimate beneficial owners”). I registri saranno accessibili da parte delle autorità, di taluni “enti obbligati” (ad esempio gli istituti di credito in relazione ai propri doveri di verifica della clientela) e dei privati titolari di un “interesse legittimo”. Fra tali soggetti figurano, a titolo esemplificativo, i cronisti. Tale previsione - non contenuta nella Proposta di Direttiva pubblicata dalla Commissione Europea il 5 febbraio 2013 - è stata introdotta durante le negoziazioni fra il Parlamento Europeo e il Consiglio.

Saranno previste specifiche regole per i soggetti ad alto rischio di corruzione a causa del proprio ruolo, fra cui: capi di stato e di governo, giudici delle giurisdizioni superiori, membri del parlamento e loro familiari. Le informazioni riguardanti i trust saranno invece accessibili esclusivamente da parte delle autorità e dei “enti obbligati”.

Il testo approvato impone specifici obblighi di segnalazione in capo a banche, revisori, avvocati, agenti immobiliari e sale da gioco in merito a operazioni sospette dei propri clienti.

La proposta di Direttiva presentata dalla Commissione introduce, fra l’altro, norme mirate a:

  • ampliare l’ambito di applicazione della Terza Direttiva Antiriciclaggio, abbassando le soglie quantitative di rilevanza dei pagamenti in contanti attualmente pari a Euro 15.000;
  • rafforzare e semplificare l’adeguata verifica della clientela: gli “enti obbligati” saranno tenuti ad adottare misure rafforzate in presenza di rischi maggiori e potranno adottare misure semplificate laddove sia dimostrata la presenza di rischi minori;
  • facilitare l’operato delle Financial Intelligence Units nazionali, in particolare rafforzando lo scambio di informazioni e la collaborazione fra le autorità degli Stati Membri; e
  • eliminare le disposizioni relative alla cosiddetta “equivalenza positiva”, poiché il regime dell’obbligo di adeguata verifica della clientela si basa in misura sempre maggiore sul rischio e l’uso delle esenzioni sulla base di fattori meramente geografici.

Sono state inoltre approvate nuove norme in materia di tracciabilità dei pagamenti, mirate in particolare a rendere più semplice la tracciabilità dei trasferimenti di danaro all’interno e dall’Unione Europea.

Gli Stati Membri avranno due anni per recepire la Direttiva nei propri ordinamenti, a decorrere dallo scadere del ventesimo giorno successivo alla pubblicazione della stessa nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea. La Commissione pubblicherà inoltre nei prossimi mesi una guida all’implementazione della nuova normativa.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.