Antiriciclaggio
05/04/2012

Banche e normativa antiriciclaggio: il punto sull’attività dell'Unità di Informazione Finanziaria

Il Direttore dell’Unità di Informazione Finanziaria (UIF), dott. Giovanni Castaldi, è intervenuto a Napoli, il 3 aprile scorso, sul tema delle “Banche e normativa antiriciclaggio. Prevenzione e investigazione. I costi per l’impresa”.

Nel corso dell’intervento, Castaldi ha innanzitutto descritto ruolo e funzioni dell’UIF all’interno del sistema di prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo.

Fra i compiti dell’UIF vi è quindi quello di: ricevere le segnalazioni di operazioni sospette; effettuarne l’approfondimento finanziario, anche acquisendo ulteriori informazioni presso i soggetti obbligati e consultando gli archivi esterni ai quali può accedere (es. archivio dei rapporti finanziari); scambiare informazioni con altre autorità; estendere l’analisi anche a operazioni sospette non segnalate, di cui venga comunque a conoscenza; a conclusione delle analisi, redigere e trasmettere agli Organi investigativi una relazione tecnica ove esprime le proprie valutazioni in ordine ai sospetti manifestati dal segnalante e, se possibile, formula ipotesi sui sottostanti fenomeni economico-criminali. Inoltre, l’Unità elabora “indicatori e schemi di anomalia” che costituiscono un ausilio per migliorare l’autonoma capacità diagnostica dei segnalanti.

Altro compito di estrema importanza è quello riconducibile all’attività ispettiva, spesso rivolta ad accertare casi di omessa segnalazione emersi indirettamente dall’esame di comunicazioni pervenute da altri operatori. In tale contesto, l’Unità procede in genere a integrare le informazioni già acquisite, a ricostruire provenienza e destinazione di determinati flussi di fondi e a una generale verifica del rispetto delle disposizioni in tema di prevenzione e contrasto del riciclaggio.

Castaldi passa poi in rassegna il tema legato all’evoluzione delle segnalazioni sospette ricevute dall’UIF, soffermandosi in particolare sull’introduzione del sistema di raccolta e gestione delle segnalazioni di operazioni sospette denominato “RADAR” (Raccolta e Analisi Dati AntiRiciclaggio), che consente di acquisire le segnalazioni via internet, su un canale riservato e protetto.

Secondo il Direttore dell’Unità di Informazione Finanziaria, il sistema RADAR segna la transizione da un approccio essenzialmente basato su valutazioni soggettive a uno fondato su rischi misurabili e oggettivi, in grado di agevolare sia la rapida individuazione delle segnalazioni più rilevanti sia l’adozione di più adeguate modalità di lavorazione.

Infine, Castaldi da conto dell’avvio di due ulteriori progetti per l’UIF: il primo, volto ad agevolare i segnalanti nella riconduzione delle operazioni segnalate come sospette entro schemi o fenomeni previamente individuati dall’UIF (progetto “fenomeni”); il secondo (Data Warehouse) è diretto a integrare tutte le componenti del patrimonio informativo (archivi propri e delle altre funzioni della Banca d’Italia, basi dati commerciali, ecc.) al fine di consentire all’Unità un rapido accesso a tutte le informazioni utili e una più efficace individuazione di quelle cd. “implicite”, che si celano, cioè, nella moltitudine dei dati disponibili.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.