Array
(
    [22969] => Array
        (
            [parent] => Fallimentare - Restructuring
            [childrens] => Array
                (
                    [22878] => Liquidazione coatta amministrativa
                )

        )

    [10896] => Array
        (
            [parent] => Profili processuali
        )

)
Fallimentare - Restructuring - Liquidazione coatta amministrativaProfili processuali
03/10/2018

Banche venete: alcune questioni processuali relative ai giudizi interrotti

Tribunale di Verona, 25 settembre 2018 - G.U. Vaccari
segnalato da: Dott. Massimo Vaccari, Giudice del Tribunale di Verona

Il dies a quo per la riassunzione di un giudizio interrotto, a seguito della sottoposizione di una delle parti a liquidazione coatta amministrativa, va individuato, per il soggetto non colpito dall’evento interruttivo, nel momento in cui lo stesso abbia avuto comunicazione dell’ordinanza con la quale era stato interrotto il giudizio poiché in tale momento tale parte ha avuto conoscenza legale dell’evento interruttivo.

Un giudizio interrotto, a seguito della liquidazione coatta amministrativa della banca popolare di Vicenza, non deve essere necessariamente riassunto anche nei confronti di Intesa San Paolo, quale cessionaria del ramo d’azienda della banca posta in liquidazione, poiché, a prescindere dalla dimostrazione della inclusione, tra i rapporti ceduti, di quello per cui è causa, la sentenza favorevole all’attore sarebbe comunque opponibile al cessionario ai sensi dell’art. 111, comma 2, c.p.c.

I profili di nullità di un contratto bancario concluso con un soggetto sottoposto a liquidazione coatta amministrativa nel corso di un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo possono essere fatti valere dall’opponente, nei limiti dell’eccezione riconvenzionale, al solo scopo di paralizzare le pretese creditorie azionate da quel soggetto e successivamente coltivate dai commissari liquidatori, senza che a ciò osti il disposto dell’art. 83, comma 3, t.u.b.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.