Array
(
    [22970] => Array
        (
            [parent] => Banca e Finanza
            [childrens] => Array
                (
                    [1352] => Antiriciclaggio
                    [14603] => Carte di pagamento
                )

        )

)
Banca e Finanza - Antiriciclaggio - Carte di pagamento
12/10/2017

L’illecito utilizzo della carta di credito aziendale integra il reato di appropriazione indebita e non quello di cui all’art. 55 c. 9 D. Lgs. 231/2007

Cassazione Penale, Sez. II, 20 gennaio 2017, n. 7910 - Pres. Fumu, Rel. Coscioni
Marco Camillo

Il dipendente della società, visto che ha il possesso ed è a conoscenza del PIN della carta di credito aziendale, è il titolare qualificato all’utilizzo della stessa; ne consegue che l’uso indebito della carta per trarne un ingiusto profitto integra il reato di appropriazione indebita ex art.646 c.p. e non quello di indebito utilizzo di carta di credito previsto dall’art. 55 comma 9 del D. Lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio.

 

Nel caso di specie, veniva in rilievo l’utilizzo da parte del dipendente di una società della carta di credito aziendale per effettuare rifornimenti di carburante a mezzi non dell’azienda. Il Supremo Collegio rileva che la norma dell’art. 55, comma 9 del D. Lgs n. 231/2007 sanziona chiunque “indebitamente utilizza, non essendone titolare” carte di credito o altro documento analogo “al fine di trarne profitto per sé o per altri”. La Corte afferma che l’imputato è il titolare qualificato all’uso della carta e quindi il fatto non integra, di per sé, il reato ascritto: a prescindere dal dato formale che la tessera fosse intestata alla società, egli ne poteva disporre liberamente, visto che la stessa era in suo possesso ed era a conoscenza del codice PIN. Ciò chiarito, la Suprema Corte precisa che, in ogni caso, il comportamento tenuto dal dipendente è penalmente rilevante; l’imputato, infatti, si è comunque appropriato della carta di cui aveva il possesso per trarne un ingiusto profitto, integrando così la fattispecie del reato di appropriazione indebita prevista dall’art. 646 c.p.

Comments

Post new comment

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.