Array
(
    [1348] => Array
        (
            [parent] => Professionisti
        )

)
Professionisti
15/10/2012

Applicazione dei nuovi parametri per i compensi dei professionisti: i chiarimenti delle Sezioni Unite della Cassazione

Cassazione Civile, Sez. Un., 12 ottobre 2012, n. 17405

Con la sentenza n. 17405 del 12 ottobre 2012 le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione hanno avuto modo di fare chiarezza sulla corretta applicazione dei parametri ai quali devono esser commisurati i compensi dei professionisti.

Come noto, tali parametri sono stati introdotti dall’art. 41 del D.M. 20 luglio 2012, n. 140, che ha dato attuazione alla prescrizione contenuta nell’art. 9, 2° comma, del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito dalla legge 24 marzo 2012, n. 271, in luogo delle abrogate tariffe professionali, e trovano applicazione laddove la liquidazione sia operata da un organo giurisdizionale in epoca successiva all’entrata in vigore del medesimo decreto.

Secondo quanto affermato dalle Sezioni Unite, il citato art. 41 del decreto ministeriale deve essere interpretato nel senso che i nuovi parametri sono applicabili ogni qual volta la liquidazione giudiziale intervenga in un momento successivo alla data di entrata in vigore del predetto decreto e si riferisca al compenso spettante ad un professionista che, a quella data, non abbia ancora completato la propria prestazione professionale, ancorché tale prestazione abbia avuto inizio e si sia in parte svolta in epoca precedente, quando ancora erano in vigore le tariffe professionali abrogate.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.