WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale


Impatti per il settore finanziario

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 03/02

WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale

Filippo Andrea Chiaves

Senior Counsel, Hogan Lovells

Filippo Andrea Chiaves è membro del dipartimento italiano di Contenzioso dello studio Hogan Lovells, con cui collabora dal 2004 dopo aver maturato una considerevole esperienza presso importanti studi legali italiani e internazionali. Nel corso degli anni Filippo ha approfondito le tematiche del diritto bancario e fallimentare specializzandosi nell’assistenza ai clienti nell’ambito delle procedure concorsuali alternative al fallimento, delle azioni revocatorie e del contenzioso fallimentare anche nei suoi risvolti transnazionali.

Filippo Andrea Chiaves ha inoltre acquisito esperienza in materia di contenzioso bancario e assicurativo (esecuzione di garanzie e fideiussioni, derivati, obblighi informativi della banca e responsabilità da prospetto, mutui e contenziosi banca-cliente, criptovalute).

Filippo è patrocinante in Cassazione. Ha svolto incarichi di docenza di analisi economica del diritto presso l’Università Commerciale L. Bocconi di Milano e di responsabilità civile comparata e per il Master Giuristi d’Impresa organizzato dall’Università di Bologna, ed è autore di numerosi scritti accademici.

Tutti gli articoli di Filippo Andrea Chiaves
Attualità
Banche e intermediari

Greenwashing e nuova class action

Uno strano binomio incombe sul settore bancario?
28 Novembre 2022

Filippo Chiaves, Senior Counsel, Hogan Lovells

Enrica Ferrero, Associate, Hogan Lovells

Pietro Orlandi, Hogan Lovells

La recente riforma della normativa sulla class action estende l’applicazione di questa tipologia di azione a nuovi mercati e dischiude orizzonti finora inesplorati, da cui potrebbero scaturire contenziosi con le istituzioni finanziarie in tema di greenwashing.
Attualità
Crisi e insolvenza

Nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza: una rivoluzione annunciata?

7 Settembre 2022

Pierantonio Musso, Counsel, Hogan Lovells Studio Legale
Filippo Andrea Chiaves, Senior Counsel, Hogan Lovells Studio Legale
Giulia Vettori, Senior Associate, Hogan Lovells Studio Legale
Federico Pappalettera, Associate, Hogan Lovells Studio Legale

Il presente contributo provvede ad una sintesi della normativa del nuovo Codice della Crisi e dell'insolvenza anche alla luce della Direttiva UE 2019/1023 (Direttiva sull'insolvenza - Direttiva Insolvency) e delle numerose novità introdotte successivamente all'approvazione del Decreto Legislativo n. 14
Attualità
Crisi e insolvenza

Procedura competitiva ex art. 163 bis L. Fall.: principio generale e inderogabile?

26 Maggio 2021

Filippo Andrea Chiaves e Valerio Vadalà, Hogan Lovells Studio Legale

In caso di concordato preventivo cd. “chiuso”, quando cioè il debitore nel piano concordatario ha indicato un soggetto che ha formulato un’offerta relativa all’azienda o ai beni dell’impresa, la legge prevede l’apertura di una procedura competitiva per la vendita dei
Approfondimenti
Crisi e insolvenza

Il diritto fallimentare e delle procedure concorsuali nell’“Era Covid-19”

2 Dicembre 2020

Filippo Andrea Chiaves e Alessandra Dima, Hogan Lovells

Recentissime in tema di diritto fallimentare Prima di passare in rassegna le novità introdotte dalla normativa emergenziale, si fa presente che il 20 novembre 2020 è entrato in vigore il D. Lgs. 26 ottobre 2020, n. 147 (c.d. “Decreto correttivo”)
Approfondimenti
Contratti e garanzie

L’ordinanza di sequestro conservativo transfrontaliero su conti bancari e la nuova normativa di raccordo italiana

29 Ottobre 2020

Filippo Andrea Chiaves e Valerio Vadalà, Hogan Lovells

1. Il regolamento comunitario e le norme di raccordo nazionali
Attualità
Crisi e insolvenza

Sull’ammissibilità del concordato preventivo successivo all’omologazione dell’accordo di ristrutturazione

14 Ottobre 2019

Filippo Andrea Chiaves, Partner, Hogan Lovells

1. PremessaLa recente sentenza n. 10106/2019 della Corte di Cassazione[1] ha affermato che la domanda di concordato preventivo ai sensi dell’art. 161, comma 1, L. Fall., successiva all’omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti, non può essere in limine considerata
SPAZI D'AUTORE
Lo spazio di dialogo e confronto tra gli attori del mondo degli affari
Iscriviti alla nostra Newsletter