WEBINAR / 27 marzo
I servizi finanziari conclusi a distanza alla luce della Direttiva (UE) 2023/2673
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 13/03

WEBINAR / 27 marzo
I servizi finanziari conclusi a distanza alla luce della Direttiva (UE) 2023/2673
www.dirittobancario.it
Flash News

Requisiti di liquidità IFR: Linee guida EBA per esenzione delle piccole imprese

1 Agosto 2022
Di cosa si parla in questo articolo

L’EBA ha pubblicato le proprie Linee guida finali sui criteri per l’esenzione delle piccole imprese di investimento e non interconnesse dai requisiti di liquidità ai sensi del Regolamento (UE) 2019/2033 relativo ai requisiti prudenziali delle imprese di investimento (IFR).

Le Linee guida in oggetto garantiscono che tutte le autorità competenti che concedono questa tipologia di esenzione seguano lo stesso approccio armonizzato, pur preservando l’obiettivo generale dell’IFR di mantenere i requisiti prudenziali proporzionali alle dimensioni e alla complessità delle imprese di investimento più piccole.

L’IFR introduce requisiti di liquidità obbligatori per tutte le imprese di investimento.

Tuttavia, l’IFR mira a garantire ulteriormente un approccio proporzionato per le imprese di investimento piccole e non interconnesse, che consenta alle autorità competenti di esentare completamente tali imprese dai requisiti di liquidità.

Per avere un’applicazione armonizzata dell’esenzione, le linee guida dell’EBA affrontano tre elementi principali:

  • l’insieme dei servizi e delle attività di investimento che rendono un’impresa di investimento ammissibile all’esenzione;
  • l’insieme di criteri che un’autorità competente dovrebbe valutare prima di concedere l’esenzione;
  • indicazioni per le autorità competenti al momento di concedere e revocare l’esenzione.

Le imprese di investimento che soddisfano le condizioni di cui all’articolo 12, paragrafo 1, dell’IFR non sono autorizzate a detenere attività o denaro dei clienti, il che non può creare situazioni in cui un’impresa di investimento non sia in grado di restituirli ai clienti.

Pertanto, i requisiti di liquidità per queste imprese di investimento non coprono i rischi di potenziali perdite di denaro o attività dei clienti.

Le imprese di investimento che soddisfano i requisiti per essere qualificate come piccole imprese di investimento e non interconnesse possono fornire una serie di servizi di investimento, compresi i servizi di investimento accessori di cui all’allegato I, sezione B, della direttiva 2014/65/UE (MiFID) .

Le Linee guida specificano quali servizi di investimento possono dar luogo a rischio di liquidità e quindi identificare le imprese di investimento che non dovrebbero essere esentate dai requisiti di liquidità IFR a causa dei servizi che forniscono.

L’EBA ha sviluppato le Linee guida in conformità all’articolo 43, paragrafo 1, del regolamento (UE) 2019/2033, che conferiscono all’EBA mandati specifici di emanare Linee guida per l’esenzione delle imprese di investimento dai requisiti di liquidità.

Le Linee guida si applicano a partire da due mesi successivi dalla data di emissione.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 27 marzo
I servizi finanziari conclusi a distanza alla luce della Direttiva (UE) 2023/2673
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 13/03

WEBINAR / 14 Marzo
Mutui con garanzia MCC: obblighi di istruttoria e profili di invalidità
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 29/02