WEBINAR / 09 marzo
Pegno mobiliare non possessorio: al via il nuovo regime
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 17/02

WEBINAR / 09 marzo
Pegno mobiliare non possessorio
www.dirittobancario.it
Flash News

DNSH Non arrecare danno significativo all’ambiente: aggiornata la Guida operativa

14 Ottobre 2022
Di cosa si parla in questo articolo

La Ragioneria Generale dello Stato ha pubblicato un aggiornamento alla Guida operativa per il rispetto del principio di non arrecare danno significativo all’ambiente (cd. DNSH).

Come noto, il Regolamento UE 241/2021 (Dispositivo per la ripresa e la resilienza – Recovery Fund) prevede che tutte le misure nazionali dei Piani nazionali per la ripresa e resilienza (PNRR), siano tenute a soddisfare il principio di “non arrecare danno significativo agli obiettivi ambientali”.

Tale obbligo si concretizza in una valutazione di conformità degli interventi al principio del “Do No Significant Harm” (DNSH), con riferimento al sistema di tassonomia delle attività ecosostenibili, di cui all’art. 17 del Regolamento (UE) 2020/852 ex ante, in itinere ed ex-post.

Stante l’ampio numero di misure adottate nell’ambito del PNRR, la RGS ha ritenuto necessario di provvedere all’aggiornamento della “Guida operativa per il rispetto del principio di non arrecare danno significativo all’ambiente” di cui alla Circolare della Ragioneria Generale dello Stato n. 32 del 30 dicembre 2021, per fare in modo che le istruzioni fornite siano maggiormente coerenti con le effettive modalità di attuazione degli investimenti.

Principali aggiornamenti alla Guida operativa per il rispetto del principio di non arrecare danno significativo all’ambiente (DNSH)

Di seguito i principali aggiornamenti:

  • revisione della mappatura che associa ad ogni misura le schede tecniche e check list di riferimento, in ragione alle attività che verranno poste in essere per la realizzazione degli interventi;
  • recepimento di integrazioni e modifiche specifiche volte a rendere le schede tecniche e check list più coerenti con l’attuazione delle misure;
  • inserimento di due nuove schede su “Impianti di irrigazione” e “Trasmissione e distribuzione di energia elettrica”;
  • introduzione di “requisiti trasversali” volti a semplificare l’attività di verifica poiché, se rispettati, consentono di ritenere la misura conforme al principio DNSH rispetto a tutti gli obiettivi ambientali in oggetto.

Le modifiche introdotte alle opzioni di verifica ex-ante ed ex-post e alle check list sono migliorative ma non invalidano scelte eventualmente effettuate sulla base delle precedenti versioni.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 09 marzo
Pegno mobiliare non possessorio: al via il nuovo regime
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 17/02
Iscriviti alla nostra Newsletter