WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06


WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024. Novità per le banche e problematiche operative
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

L’adesione alla pace fiscale e il pagamento di alcune rate non precludono l’applicabilità del sequestro finalizzato alla confisca

10 Febbraio 2020

Vincenzo Maria De Angelis, Studio Legale Tributario Cavallaro e Associati

Cassazione Penale, Sez. III, 25 novembre 2019, n. 47837 – Pres. Di Nicola, Rel. Di Stasi

Di cosa si parla in questo articolo

Solo l’integrale estinzione del debito tributario è idonea a determinare la non operatività della confisca e del sequestro ad essa finalizzato, in quanto soltanto con il pagamento viene meno l’indebito vantaggio – corrispondente al profitto del reato – suscettibile di confisca.

Dunque, la disposizione di cui all’art. 12-bis del D.lgs. n. 74/2000, secondo cui la confisca non opera per la parte che il contribuente si impegna a versare all’erario anche in presenza di sequestro, non preclude l’adozione del sequestro preventivo finalizzato alla confisca relativamente al debito tributario non ancora pagato, sequestro che dispiegherà tuttavia i suoi effetti solo allorquando dovesse integrarsi un inadempimento del debito.

In applicazione di tale principio, la Corte ha ritenuto che l’ammissione a una procedura conciliativa (nel caso in esame quella della definizione agevolata delle controversie tributarie a norma dell’art. 6, dl 119/2018 – c.d. “ pace fiscale” ) e il pagamento di alcune rate non possano salvare dal sequestro preventivo finalizzato a confisca di cui all’art. 12, D.lgs. n. 74/2000, finché non sia intervenuta la completa estinzione del debito tributario.

La Suprema Corte, ha inoltre precisato che, alla luce della autonomia del processo penale da quello amministrativo tributario, sancita dall’art. 20, D.lgs. n. 74/2000, spetta esclusivamente al giudice penale il compito di accertare e determinare l’ammontare dell’imposta evasa, da intendersi come l’intera imposta dovuta, attraverso una verifica che può divergere da quella eventualmente effettuata dinanzi al giudice tributario anche all’esito di procedure conciliative con il fisco.

 

 

 

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06

Una raccolta sempre aggiornata di Atti, Approfondimenti, Normativa, Giurisprudenza.
Iscriviti alla nostra Newsletter