WEBINAR / 08 luglio
Clausole abusive nei contratti finanziari con i consumatori


Il superamento del giudicato implicito alla luce della Corte di Giustizia UE

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 24/06

WEBINAR / 08 luglio
Clausole abusive nei contratti finanziari con i consumatori - Il superamento del giudicato implicito
www.dirittobancario.it
Flash News

Gestione di “sala trading” e assistenza “post-trade”: esclusione del regime della consulenza

2 Ottobre 2012
Di cosa si parla in questo articolo

Con Comunicazione n. DIN/DIS/12073889 del 13 settembre 2012 la Consob ha fornito il proprio parere circa la possibilità che l’attività di gestione di “sala trading” e assistenza “post-trade” da parte di una società integri gli estremi della consulenza in materia di investimenti ex art. 1, co. 5 septies, D.Lgs. n. 58/1998 (TUF) e/o della prestazione di servizi accessori ex art. 1, co. 6 del medesimo Decreto.

In particolare, nel caso analizzato dalla Commissione, la società, da un lato, gestirebbe una sala di negoziazione che consente ad investitori italiani di inoltrare alle piattaforme di trading on line (dai medesimi autonomamente individuate e gestite da intermediari debitamente autorizzati alla prestazione dei servizi di investimento) le disposizioni di investimento e, dall’altro, offrirebbe un servizio di assistenza post trade, anche mediante monitoraggio in tempo reale dei guadagni e delle perdite realizzate.

Al fine di escludere l’applicazione della disciplina in materia di consulenza al caso prospettato, la Consob ha ritenuto che la società debba adottare idonei accorgimenti e cautele al fine di evitare, nella relazione con la clientela, l’erogazione di raccomandazioni, che possano essere presentate o comunque colte dal cliente come basate sulle sue caratteristiche personali. In particolare, con specifico riferimento al prospettato servizio di monitoraggio delle posizioni della clientela, la società deve evitare ogni interazione con l’intermediario, dovendo rimanere esclusivamente in capo all’investitore la determinazione circa l’eventuale chiusura delle operazioni eventualmente in corso.

Inoltre, nell’ambito della relazione con la clientela, la società deve adottare tutti gli ulteriori accorgimenti e cautele utili ad evitare che le condotte concretamente poste in essere nell’ambito della gestione della “sala trading” possano sfociare nel la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione ordini o, più in generale, nella prestazione di un servizio c.d. esecutivo o di gestione di portafogli.

 

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 08 luglio
Clausole abusive nei contratti finanziari con i consumatori


Il superamento del giudicato implicito alla luce della Corte di Giustizia UE

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 24/06