WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche


Novità normative e problematiche attuali

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 19/06


WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche
www.dirittobancario.it
Flash News

Diversità di genere negli organi direttivi: EBA segnala gli squilibri

8 Marzo 2023
Di cosa si parla in questo articolo

L’EBA ha pubblicato il rapporto sulle politiche di diversità e sul divario retributivo di genere a livello di organi direttivi degli istituti di credito.

In particolare, evidenzia l’EBA:

  • il 27,75% dei posti di amministratore non esecutivo è occupato da donne;
  • solo il 18,05% dei direttori esecutivi sono donne;
  • l’equilibrio di genere nell’Europa settentrionale e orientale è generalmente migliore rispetto ad altre parti dell’UE;
  • il 27,05% delle istituzioni non ha ancora una politica di diversità di genere obbligatoria;
  • esiste una chiara correlazione positiva tra l‘equilibrio di genere e il rendimento del capitale proprio (RoE);
  • le donne guadagnano in media il 9,48% in meno degli amministratori esecutivi uomini e il 5,90% in meno degli amministratori non esecutivi uomini.

L’uguaglianza di genere è un valore centrale dell’UE, sancito come diritto fondamentale nei trattati dell’Unione. Dal 2015 l’EBA raccoglie dati sulle politiche di diversità degli istituti di credito e delle imprese di investimento, sulla composizione dell’organo di gestione in termini di genere, età, provenienza geografica, istruzione e professionalità e sul divario retributivo di genere a livello di organo di gestione.

I dati si basano su un campione rappresentativo di 662 istituti di credito e 129 imprese di investimento selezionati dalle autorità nazionali competenti di tutti gli Stati membri dell’UE, del Lichtenstein e dell’Islanda, sulla base di criteri comuni stabiliti dall’EBA.

Gli istituti di credito e le imprese di investimento sono tenuti per legge ad adottare politiche di diversità e a tenerne conto nella selezione dei membri dell’organo di gestione. Sono inoltre obbligati per legge ad applicare politiche retributive neutre dal punto di vista del genere e a monitorare il divario retributivo di genere.

Il divario retributivo di genere è definito come la differenza tra la retribuzione oraria lorda media di uomini e donne espressa in percentuale della retribuzione oraria lorda media degli uomini.

Non vengono effettuati aggiustamenti per tenere conto della durata dell’esperienza professionale, del percorso di studi o di altri fattori.

Poiché la remunerazione dell’amministratore delegato è tipicamente più elevata rispetto alle altre posizioni del consiglio di amministrazione, l’inclusione di amministratori delegati prevalentemente di sesso maschile porta a un divario retributivo più elevato; l’ulteriore aumento è tuttavia determinato piuttosto dalla posizione che dal genere.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche


Novità normative e problematiche attuali

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 19/06

Una raccolta sempre aggiornata di Atti, Approfondimenti, Normativa, Giurisprudenza.
Iscriviti alla nostra Newsletter