www.dirittobancario.it
Flash News

BRRD 2 e modifiche al SRM: approvato in esame preliminare il decreto di attuazione

3 Agosto 2021
Di cosa si parla in questo articolo

Il Consiglio dei Ministri n. 31 del 29 luglio 2021 ha approvato, in esame preliminare, quindici decreti legislativi di attuazione di norme europee, tra cui il decreto di attuazione della Direttiva (UE) 2019/879 (BRRD II), che modifica la Direttiva 2014/59/UE (BRRD) per quanto riguarda la capacità di assorbimento di perdite e di ricapitalizzazione degli enti creditizi e delle imprese di investimento e la Direttiva 98/26/CE.

Il decreto va altresì ad adeguare la normativa nazionale al Regolamento (UE) n. 806/2014 che fissa norme e una procedura uniformi per la risoluzione degli enti creditizi e di talune imprese di investimento nel quadro del meccanismo di risoluzione unico e del fondo di risoluzione unico (Single Resolution Mechanism – SRM) e che modifica il Regolamento (UE) n. 1093/2010, come modificato dal regolamento (UE) 2019/877.

Come si legge nel comunicato stampa del Governo, si introduce per le banche, gli enti di credito e le imprese di investimento a rilevanza sistemica globale l’obbligo di detenere un quantitativo sufficiente di passività ad elevata capacità di assorbimento delle perdite, per assicurare la possibilità di ripristinare i livelli minimi di capitale regolamentare in caso di risoluzione; vengono introdotti marginali adeguamenti alla nuova disciplina del minimum requirement of eligible liabilities, nella normativa su piani di risoluzione di gruppo e sulla valutazione della risolvibilità dei gruppi bancari, nonché in quella sulla riduzione degli strumenti di capitale e della loro conversione in azioni e in quella sul bail-in; la disciplina sul requisito dei fondi minimi è resa applicabile anche al meccanismo unico di risoluzione, che è direttamente applicabile alle banche che ricadono nella competenza del Single Resolution Board.

Di cosa si parla in questo articolo