WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche


Novità normative e problematiche attuali

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 19/06


WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche
www.dirittobancario.it
Flash News

BCE – Vigilanza prudenziale: autorizzazione ad includere gli utili intermedi o di fine esercizio nel capitale primario di classe 1 delle banche

9 Febbraio 2015
Di cosa si parla in questo articolo
BCE

In base a quanto stabilito all’articolo 26 par. 2 del CRR, le banche, prima di adottare formale decisione di conferma del risultato finale d’esercizio per l’anno di riferimento, possono includere gli utili intermedi o di fine esercizio nel computo del capitale primario di classe 1 solo con preliminare autorizzazione dell’autorità competente e al ricorrere di determinate condizioni, quali: la verifica degli utili da parte di persone indipendenti dalla banca e incaricate della revisione dei conti; la dimostrazione di aver sottratto dall’importo di tali utili tutti gli oneri e dividendi prevedibili.

La decisione della BCE del 4 febbraio 2015 stabilisce ulteriori condizioni applicabili agli istituti di credito per i quali la BCE svolge diretta supervisione e che riguardano la documentazione che le banche devono sottoporre al giudizio della BCE al fine di ottenere suddetta autorizzazione.

A tal fine, particolare importanza viene attribuita ai risultati e ai rilievi contenuti nei report della funzione incaricata della revisione legale dei conti degli istituti di credito, nei quali dovrà risultare non solo che la revisione è stata completata, ma anche che dalla stessa non sono emersi rilievi o aspetti critici.

Inoltre, le banche dovranno provvedere a rilasciare specifica dichiarazione riguardante l’attestazione che il calcolo degli utili è avvenuto in conformità ai principi contabili applicabili (tenuto conto anche del perimetro di consolidamento) e sottoporre alla BCE un documento con indicazione delle principali componenti degli utili (intermedi e di fine periodo), includendo tra queste anche il dettaglio della deduzione di oneri e dividendi prevedibili.

Tale decisione è entrata in vigore il 6 febbraio 2015 e si applica con riferimento alle segnalazioni di vigilanza relative al 31.12.2014.

Di cosa si parla in questo articolo
BCE

WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche


Novità normative e problematiche attuali

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 19/06


WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06

Iscriviti alla nostra Newsletter