WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06


WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024. Novità per le banche e problematiche operative
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Ammissione al concordato preventivo di un creditore postergato

10 Novembre 2016

Vassilios Roberto Dragani, Dottore di ricerca in diritto dell’impresa, Università Bocconi

Tribunale di Verona, 28 luglio 2016 – Pres., est. Platania

Di cosa si parla in questo articolo

Il Tribunale di Verona, con decreto depositato in data 28 luglio 2016, rep. n. 255/2016, ha omologato il concordato preventivo proposto dalla società istante, in cui si prevedeva l’inserimento, in una classe a parte, di un creditore postergato, ammettendolo quindi alla procedura.

In particolare, si è ritenuto ammissibile l’inserimento del creditore postergato sulla base di due considerazioni; innanzitutto, in ragione di un precedente orientamento della Corte di Cassazione, per cui ciò sarebbe possibile alla condizione che le maggioranze delle singole classi previste approvassero espressamente tale inserimento e sempreché questi venisse inserito in una classe a parte.

Ma anche, e soprattutto, perché, come rilevato dal Tribunale, inserendo il creditore postergato, che abbia accettato a causa della possibile contestazione, nella classe 2, è possibile ritenere prevalente la posizione transattiva emergente dal voto e quindi considerarlo, a tutti gli effetti, creditore concordatario.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06

Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter