Credito
21/05/2020

Decreti Cura Italia e Liquidità: i dati aggiornati al 20 maggio sulle richieste al Fondo di Garanzia

Il Ministero dello Sviluppo Economico e Mediocredito Centrale hanno fornito i dati relativi alle richieste di garanzie pervenute al Fondo di Garanzia nel periodo dal 17 marzo al 20 maggio 2020.

In particolare, le richieste sono state 303.714 per un importo di 13.847.253.497,96 miliardi di euro. Di queste domande:

- 301.240 sono quelle pervenute ai sensi del decreto Cura Italia e Liquidità, tra cui:

  • 271.314 operazioni riferite a finanziamenti fino a 25 mila euro, con copertura al 100% per un importo finanziato di euro 5.670.422.792,85, per i quali l’intervento del Fondo è concesso automaticamente e possono essere erogati senza attendere l’esito definitivo dell’istruttoria da parte del Gestore;
  • 208 operazioni di riassicurazione con copertura al 100% per finanziamenti di durata fino a 72 mesi;
  • 32 operazioni con copertura del garante fino al 100% e copertura al 90% del Fondo;
  • 5.077 operazioni di garanzia diretta con copertura al 90% per finanziamenti di durata fino a 72 mesi;
  • 12.373 operazioni di garanzia diretta, con percentuale di copertura all’80%;
  • 6.770 operazioni di riassicurazione, con percentuale di copertura al 90%;
  • 1.953 di rinegoziazione e/o consolidamento del debito con credito aggiuntivo di almeno il 10% del debito residuo e con incremento della percentuale di copertura all’80% o al 90%;
  • 135 riferite a imprese small mid cap con percentuale di copertura all’80% e al 90%;
  • 3.378 con beneficio della sola gratuità della garanzia, che a normativa previgente erano a titolo oneroso;
  • 2.474 sono le domande pervenute ai sensi della previgente normativa.

In relazione alle operazioni di rinegoziazione e/o consolidamento, ammissibili ai sensi del decreto Cura Italia e Liquidità, l’incremento del credito aggiuntivo è del 68,3%, passando da € 222,9 milioni a 375,2 milioni di euro.

Delle notevoli problematiche operative connesse alla concessione di finanziamenti tramite garanzia pubblica parleremo nel WebSeminar del prossimo 28 e 29 maggio sulla gestione del credito bancario ai tempi del coronavirus.

Di seguito il programma e le modalità di iscrizione.

GARANZIA PUBBLICA SUI FINANZIAMENTI (SACE E FONDO PMI) E PROCESSO DEL CREDITO

  • Contenuto degli obblighi di valutazione del merito creditizio: finanziamenti fino a 25.000 garantiti dal fondo PMI e assenza di valutazione del merito di credito; l’esclusione della valutazione «andamentale » per i finanziamenti eccedenti i 25.000 garantiti dal fondo PMI
  • Costo dei finanziamenti: commissioni per la concessione della garanzia e interessi corrispettivi (art. 1, co. 2, lett h); art. 13, co. 1, lett. m) Decreto liquidità)

Antonella Sciarrone Alibrandi, Professore Ordinario di diritto dell’economia, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

  • Destinazione legale dei finanziamenti SACE (costi del personale, investimenti o capitale circolante impiegati in stabilimenti produttivi e attività imprenditoriali che siano localizzati in Italia: art 1, co 2, lett. n Decreto liquidità); profili di possibile inefficacia della garanzia nel caso di impieghi difformi
  • Condizioni di accesso alla garanzia delle operazioni di rinegoziazione e/o rifinanziamento: art. 1, co. 2, lett. m), art. 13, co. 1, lett. e) e m) Decreto liquidità)

Sido Bonfatti, Professore Ordinario di diritto commerciale, Università di Modena e Reggio Emilia

 

 

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.