Array
(
    [22971] => Array
        (
            [parent] => Società
            [childrens] => Array
                (
                    [22625] => Responsabilità degli organi sociali
                )

        )

    [22970] => Array
        (
            [parent] => Banca e Finanza
            [childrens] => Array
                (
                    [22846] => Sanzioni
                )

        )

)
Società - Responsabilità degli organi socialiBanca e Finanza - Sanzioni
26/02/2020

Relazione sulla corporate governance: il consiglio di sorveglianza non è responsabile per le informazioni sul sistema nomine

Cassazione Civile, Sez. II, 25 febbraio 2020, n. 4962 – Pres. Petitti, Rel. Varrone

Va esclusa la responsabilità del consiglio di sorveglianza per l’omessa vigilanza sulle informazioni sul governo societario previste dal comma 1, lett. l) (sulle norme applicabili alla nomina e alla sostituzione degli amministratori e dei componenti del consiglio di gestione e di sorveglianza, nonché alla modifica dello statuto, se diverse da quelle legislative e regolamentari applicabili in via suppletiva), e comma 2, lett. d) (sulla composizione e il funzionamento degli organi di amministrazione e controllo e dei loro comitati) dell’art. 123 bis TUF, perché rientranti nell’obbligo di vigilanza sul rispetto dello statuto di cui all’art. 149, comma 1, lett. a).

Infatti, posto che l’art. 192 bis TUF, recante “informazioni sul governo societario”, sanziona solo l’omissione delle comunicazioni prescritte dall’articolo 123 bis, comma 2, lettera a), TUF, una diversa interpretazione della responsabilità per omissione del consiglio di sorveglianza risulterebbe in contrasto con il principio di legalità e di sufficiente determinatezza della fattispecie di cui agli artt. 25 Cost e 1 I. n. 689 del 1981.

Nemmeno è possibile ipotizzare un illecito omissivo proprio con riferimento diretto al contenuto della relazione annuale sulla corporate governance, posto che la responsabilità della stessa grava sul consiglio di gestione e, tantomeno, è possibile attribuire al consiglio di sorveglianza, sulla base dell’art. 149, comma 1, lett. a), una responsabilità per aver omesso di vigilare su tale condotta, non autonomamente sanzionata.

Sulla base di tali principi la Cassazione ha escluso l’attribuzione di responsabilità per omessa vigilanza sull’attuazione dello statuto al consiglio di sorveglianza per non aver vigilato affinché la relazione sul governo societario contenesse nel dettaglio le informazioni relative alla disciplina ed al funzionamento del consiglio di gestione delle nomine interno alla banca.

 

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.