Array
(
    [22971] => Array
        (
            [parent] => Società
            [childrens] => Array
                (
                    [1345] => In generale
                )

        )

)
Società - In generale
09/10/2019

Risarcimento del danno cagionato direttamente al socio di società di capitali

Cassazione Civile, Sez. III, 20 giugno 2019, n. 16581 - Pres. Travaglino, Rel. Scarano
Il prossimo 21 novembre si terrà a Milano il Convegno di rassegna di giurisprudenza ed orientamenti notarili in materia societaria organizzato da questa Rivista. Per maggiori informazioni si rinvia al link indicato tra i contenuti correlati.

La Corte di Cassazione, Terza Sezione Civile, con sentenza n. 16581 del 20 giugno 2019, ha stabilito il diritto al risarcimento dei danni subiti dal socio di una società di capitali allorquando la condotta tenuta da terzi nei confronti della società configuri un pregiudizio diretto alla sfera personale (nel caso di lesione al diritto all’onore o alla reputazione) o patrimoniale (nel caso di perdita di opportunità personali, economiche e lavorative, o per la riduzione del cd. merito di credito) del socio.

Il caso di specie coinvolgeva difatti il fallimento di due società delle quali l’attore era socio e garante, dovuto in entrambi i casi – inter alia – alla illegittima revoca di alcuni contributi pubblici, cui era seguita l’escussione della fideiussione posta a garanzia degli stessi. La Suprema Corte, ribadendo un indirizzo giurisprudenziale già espresso in passato (Cass. Civ. n. 27733/2013), ha pertanto accolto la domanda del ricorrente e cassato con rinvio la sentenza d’appello (App. Roma n. 6021/2015 del 2 novembre 2015), riconoscendo il diritto al risarcimento dei danni subiti dal socio – aventi natura extracontrattuale ex art. 2043 cod. civ. – qualora essi non costituiscano un mero riflesso del pregiudizio arrecato da terzi alla società.

 

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.