Array
(
    [22969] => Array
        (
            [parent] => Fallimentare - Restructuring
            [childrens] => Array
                (
                    [10991] => Azione revocatoria fallimentare
                    [23086] => Azione revocatoria ordinaria
                )

        )

)
Fallimentare - Restructuring - Azione revocatoria fallimentare - Azione revocatoria ordinaria
08/10/2019

Finalità dell’azione revocatoria e validità degli atti revocati

Cassazione Civile, Sez. VI, 17 settembre 2019, n. 23190 - Pres. Frasca, Relatore Vincenti
Il prossimo 15 novembre si terrà a Milano il Convegno di rassegna di giurisprudenza fallimentare organizzato da questa Rivista. Per maggiori informazioni si rinvia al link indicato tra i contenuti correlati.

L’unico scopo a cui è volta l’azione revocatoria, che sia ordinaria o fallimentare (quest’ultima con effetto c.d. restitutorio e non di mera declaratoria dell’inefficacia in funzione della inopponibilità all’azione esecutiva), è quello di far dichiarare inopponibili al curatore gli atti che abbiano interessato il patrimonio del debitore in un determinato arco di tempo anteriore al fallimento, pregiudizievoli della garanzia generica dei crediti, senza mettere in discussione la validità originaria di quegli atti (e dunque la loro liceità), né in essi è da ravvisare un vizio che ne determini la caducazione.

 

 

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.