Array
(
    [22971] => Array
        (
            [parent] => Società
            [childrens] => Array
                (
                    [10866] => Concorrenza e antitrust
                )

        )

)
Società - Concorrenza e antitrust
27/09/2012

Concorrenza sleale: il danno va sempre provato

Cassazione civile, sez. II, 25 settembre 2012, n. 16294

La Cassazione (sentenza n. 16294 del 25 settembre 2012) ha riaffermato il principio secondo cui il danno cagionato dal compimento di atti di concorrenza sleale non deve ritenersi in re ipsa ma, essendo conseguenza diversa ed ulteriore rispetto alla distorsione delle regole della concorrenza, richiede di essere autonomamente provato secondo i principi generali che regolano il risarcimento da fatto illecito.

Ne consegue che solo la dimostrazione dell’esistenza del danno consente il ricorso al criterio equitativo ai fini della liquidazione.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.