Array
(
    [22970] => Array
        (
            [parent] => Banca e Finanza
            [childrens] => Array
                (
                    [23155] => Trasparenza
                )

        )

)
Banca e Finanza - Trasparenza
30/03/2020

L’art. 117 TUB è inapplicabile in caso di mancata o inesatta indicazione contrattuale di ISC e TAEG

Corte d’Appello di Bologna, 7 febbraio 2020, n. 551 – Pres. Aponte

Con la sentenza in esame, la Corte d’Appello di Bologna, ponendosi in linea con l’orientamento condiviso dalla prevalente giurisprudenza di merito, ha affermato che ISC e TAEG sono meri indicatori e non già tassi, prezzi o condizioni e che pertanto ad essi non si applica la disciplina prevista dall’art. 117 T.U.B.

In altri termini, secondo la Corte, ISC e TAEG – quali meri indicatori di del costo complessivo del contratto, a sostanziale valenza informativa a fini di trasparenza contrattuale – hanno valenza soltanto come regola di comportamento, comportante, in caso di mancata o inesatta indicazione all’interno del contratto di finanziamento, una mera obbligazione risarcitoria in capo alla banca o all’intermediario finanziario, a titolo di responsabilità precontrattuale.

 

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.