Assicurazioni
29/07/2021

ORSA: lettera al mercato IVASS di adeguamento alle raccomandazioni EIOPA

Con lettera al mercato del 28 luglio 2021, l’IVASS ha invitato le compagnie di assicurazione ad attenersi alle raccomandazioni EIOPA su ORSA nel contesto pandemico Covid-19.

Le raccomandazioni in esso contenute sono applicabili a qualsiasi situazione emergenziale e intendono fornire una indicazione delle aspettative della supervisione su un processo aziendale chiave per una efficace gestione dei rischi e per contribuire alla pianificazione strategica dell’impresa.

Più in particolare, le raccomandazioni EIOPA:

  • riconoscono l’esigenza di incrementare il dialogo e il confronto su ORSA tra il supervisore nazionale e la compagnia, richiamando l’attenzione sul fatto che le imprese di (ri)assicurazione devono essere in grado di valutare annualmente se il modello di business e il profilo di rischio, per effetto della situazione emergenziale, sia stato colpito in modo significativo e necessiti per questo di una revisione o dell’adozione di interventi volti a contenere i rischi che ne possono derivare;
  • indicano che le analisi ORSA devono includere nelle valutazioni annuali (regular-ORSA) gli effetti indotti dalla situazione emergenziale e nei casi di impatto significativo sul profilo di rischio dell’impresa deve essere considerata la possibilità di effettuare una non-regular ORSA;
  • precisano che negli esercizi di stress test (inclusi i reverse stress test) e nelle analisi di scenario utilizzati per ORSA devono essere ricompresi i molteplici effetti indotti dalla situazione emergenziale, inclusi quelli che incidono sul contesto macroeconomico, sui comportamenti dei consumatori, sul mercato dei capitali, sull’andamento dei sinistri (sia danni che vita) e sulla continuità operativa, inclusa la resilienza digitale;
  • richiamano l’attenzione sull’opportunità di verificare l’adeguatezza delle metriche di gestione del rischio, volte a rilevare tutti i profili di vulnerabilità, in coerenza con gli obiettivi di risk appetite, con le soglie di tolleranza e i processi di monitoraggio;
  • sottolineano che le analisi ORSA devono ricomprendere un arco temporale almeno di 3 anni, con l’obiettivo di rilevare effetti diretti e secondari (second-round effect) generati dalla pandemia.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.