WEBINAR / 09 marzo
Pegno mobiliare non possessorio: al via il nuovo regime
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 17/02

WEBINAR / 09 marzo
Pegno mobiliare non possessorio
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Usura: sulla classificazione dei mutui edilizi a stato di avanzamento lavori ai fini della determinazione del tasso soglia

17 Dicembre 2019

Avv. Alessandra Fabiani

Tribunale di Bari, 27 agosto 2019 – Pres. Ruffino, Rel. D’Aprile

Di cosa si parla in questo articolo

Il Tribunale di Bari, in continuità con il più recente orientamento dei giudici di merito (Tribunale penale di Cosenza, sez. GIP – GUP, ord. del 21.12.2018; Tribunale di Potenza, ord. G.E. 17.07.2018; Tribunale di Brindisi, Ord. G.E. dott.ssa P. Liaci 01.03.2018), conferma che, ai fini della legge anti-usura, i mutui edilizi a Stato Avanzamento Lavori vanno ricondotti nella categoria dei tassi soglia (disciplinati dai decreti ministeriali) dei “mutui con garanzia reale” e non nella diversa categoria degli “altri finanziamenti”.

Sul punto si è successivamente espressa (a quanto consta, per la prima volta) la Corte di Cassazione (Cass. civ. Sez. I, 06 settembre 2019, n. 22380, cfr. contenuti correlati) imponendo all’interprete, “in caso di dubbio circa la riconducibilità dell’operazione all’una o all’altra delle categorie, identificate con decreto ministeriale, cui si riferisce la rilevazione dei tassi globali medi” di procedere “a individuare i profili di omogeneità che l’operazione stessa presenti rispetto alle diverse tipologie ivi contemplate, attribuendo rilievo, a tal fine, ai richiamati parametri normativi individuati dalla L. n. 108 del 1996, art. 2, comma 2, (natura, oggetto, importo, durata, rischi e garanzie) e apprezzando, in particolare, quelli, tra essi, che, sul piano logico, meglio giustifichino l’inclusione del finanziamento preso in esame in questa o in quella classe di operazioni”.

I giudici di legittimità superano il precedente orientamento giurisprudenziale che annoverava i mutui edilizi tra gli “altri finanziamenti”, ribadendo che i “finanziamenti con garanzia ipotecaria a stato di avanzamento lavori” vanno, invece, annoverati nella categoria dei “mutui”. La Corte, dai due parametri individuati dall’art. 2, comma 1, l. n. 108/1996 (i.e. rischi e garanzie prestate), desume l’omogeneità tra i contratti di mutuo e i contratti di finanziamento a stati di avanzamento dei lavori.

 

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 09 marzo
Pegno mobiliare non possessorio: al via il nuovo regime
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 17/02
Iscriviti alla nostra Newsletter