WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale


Impatti per il settore finanziario

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 03/02

WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale
www.dirittobancario.it
Flash News

Trasparenza pre-trade e post-trade: ESMA sulle modifiche a MiFIR

20 Dicembre 2022
Di cosa si parla in questo articolo

L’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) ha emesso oggi un parere positivo sulla revisione proposta dalla Commissione europea delle norme tecniche di regolamentazione (RTS) sui requisiti di trasparenza pre-negoziazione (pre-trade) e post-negoziazione (post-trade) ai sensi del Regolamento (UE) n. 600/2014 (MiFIR).

In particolare, si fa riferimento:

  • al Regolamento delegato (UE) 2017/587 (RTS 1 equity), che integra il MiFIR per quanto attiene gli RTS sugli obblighi di trasparenza a carico delle sedi di negoziazione e delle imprese di investimento relativamente ad azioni, certificati di deposito, fondi indicizzati quotati (ETF), certificati e altri strumenti finanziari analoghi e sull’obbligo di eseguire le operazioni su talune azioni nelle sedi di negoziazione o tramite gli internalizzatori sistematici
  • al Regolamento delegato (UE) 2017/583 (RTS 2 non-equity) che integra il MiFIR per quanto attiene gli RTS sugli obblighi di trasparenza a carico delle sedi di negoziazione e delle imprese di investimento in relazione a obbligazioni, strumenti finanziari strutturati, quote di emissione e derivati

L’obiettivo generale degli RTS 1 e 2 rivisti è quello di chiarire e migliorare il regime di trasparenza pre-trade e post-trade per gli strumenti azionari e non azionari, anche in vista della creazione di un nastro consolidato.

In particolare, le modifiche proposte dalla Commissione dovrebbero contribuire a stabilire un regime di trasparenza più chiaro, anche attraverso adeguamenti tecnici volti a migliorare la qualità delle informazioni da pubblicare e, in ultima analisi, a migliorare l’aggregazione dei dati.

Il parere viene presentato ufficialmente alla Commissione europea, che avrà tre mesi di tempo per approvare gli RTS rivisti.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/01