WEBINAR / 08 luglio
Clausole abusive nei contratti bancari


Il superamento del giudicato implicito alla luce della Corte di Giustizia UE

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 24/06

WEBINAR / 08 luglio
Clausole abusive nei contratti bancari - Il superamento del giudicato implicito
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Sul soggetto passivo dell’IMU in presenza di un Trust traslativo

27 Gennaio 2021

Stefano Bego, Avvocato, Studio Legale Tributario EY

Cassazione Civile, Sez. VI, 27 luglio 2020, n. 15988 – Pres. Mocci, Rel. Caprioli

Di cosa si parla in questo articolo

Stante la segregazione patrimoniale funzionale al perseguimento delle finalità del trust, il trasferimento dei beni al trustee, che diviene proprietario acquistando su di essi tutti i relativi diritti e doveri, permette di inquadrare quest’ultimo come soggetto passivo ai fini IMU.

Così si esprime la Corte di Cassazione con la pronuncia in commento.

Nel caso di specie, un trustee impugnava in primo grado un avviso di accertamento IMU relativo agli anni 2013 e 2014 emesso da un Comune nei suoi confronti, in cui venivano ritenuti non sussistenti i presupposti applicativi per le agevolazioni fiscali relative all’abitazione principale, e recuperata la relativa imposta dovuta.

Nel giudizio di primo grado, la Commissione, ritenendo applicabile l’agevolazione per l’abitazione principale unicamente al possessore dell’immobile persona fisica (mancante nel caso di specie, essendo l’immobile conferito in un trust), accoglieva il ricorso del contribuente unicamente rispetto le sanzioni.

Al rigetto del ricorso, seguiva infruttuosamente, appello in Commissione Regionale, dove la CTR ribadiva come il conferimento in Trust costituisse uno schermo giuridico sul patrimonio immobiliare, tale da escludere la sussistenza per disponenti e beneficiari di alcun diritto reale sull’immobile, la cui titolarità consente di determinare il soggetto passivo IMU.

Le motivazioni dei giudici di merito venivano condivise anche dal Collegio di Legittimità adito che, con la pronuncia in commento, rigettava il ricorso presentato dal contribuente, fondato su unico motivo di ricorso relativo alla violazione e falsa applicazione del d.lgs. 30 dicembre 1992 n. 504 e della legge 23 dicembre 2013 n. 147 (quanto alla disciplina relativa all’imposta municipale), fornendo le chiavi di lettura per l’individuazione del corretto soggetto passivo ai fini IMU in presenza di un trust.

In primo luogo, la Corte ha ritenuto utile precisare nella propria pronuncia che il trust traslativo, sebbene non sia un ente dotato di personalità giuridica, rappresenti un insieme di beni e rapporti indirizzati verso uno scopo specifico, formalmente intestati al trustee, che resiste in giudizio e risponde delle sanzioni amministrative dovute dal proprietario (Cfr. Cass. 28363/2011, 3456/2015, 25478/2015).

In secondo luogo, gli ermellini hanno ritenuto opportuno sgombrare il campo da un possibile fraintendimento giuridico circa la potenziale applicazione analogica dell’articolo 73 del TUIR, che individua il trust tra i soggetti passivi IRES, anche in ambito IMU, analogia che trova un limite invalicabile nell’art. 14 delle preleggi dove è vietato, in via generale, il ricorso all’interpretazione analogica delle norme eccezionali, quale è quella che riconosce soggettività tributaria ad una organizzazione priva di personalità giuridica.

Poste tali premesse, al fine di comprendere quale sia il soggetto passivo dell’IMU e di conseguenza valutare rispetto ad esso la possibile applicazione di agevolazioni fiscali, la Corte analizza anzitutto il presupposto impositivo dell’imposta, da ravvisarsi nel possesso di beni immobili in Italia.

Ai sensi e per gli effetti dell’articolo 3, d.lgs. 504/1992, il soggetto passivo dell’imposta altri non sarebbe che il proprietario o il titolare di altro diritto reale sull’immobile in questione.

Alla luce delle osservazioni suesposte, appare dunque logico ritenere che in presenza di un trust, ove appunto si verifica uno sdoppiamento della proprietà che permette al trustee di assumere la titolarità (seppur temporanea e sino all’attribuzione al beneficiario finale) di diritti ed obblighi inerenti i beni ed i rapporti conferiti, pur essendo questi ultimi segregati ed estranei al patrimonio del disponente e dello stesso trustee, deve ritenersi quest’ultimo come il solo e unico soggetto passivo d’imposta.

 

Di cosa si parla in questo articolo
Atti Convegni DB

Gli atti dei convegno ed eventi organizzati da Diritto Bancario.


Approfondimenti

Contributi di esponenti del mondo accademico, istituzionale e professionale dedicati al mondo degli affari.


Normativa e Prassi

La normativa bancaria e finanziaria catalogata per aree tematiche.


Giurisprudenza

Massime e Sentenze di Diritto Bancario e dei Mercati Finanziari.

Iscriviti alla nostra Newsletter