www.dirittobancario.it
Flash News

Solvency II: dalla Commissione UE le proposte di modifica

23 Settembre 2021
Di cosa si parla in questo articolo

La Commissione europea ha adottato una revisione della Direttiva 2009/138/CE sull’accesso ed esercizio delle attività di assicurazione e di riassicurazione (Solvency II) affinché le imprese di assicurazione possano aumentare gli investimenti a lungo termine nella ripresa dell’Europa dalla pandemia di COVID-19.

La revisione mira inoltre a rendere il settore assicurativo più resiliente, migliorandone così la capacità di far fronte a crisi future e proteggere i contraenti. Inoltre saranno introdotte norme semplificate e più proporzionate per alcune imprese di assicurazione più piccole.

La revisione odierna comprende i seguenti elementi:

  • una proposta legislativa volta a modificare la Direttiva Solvency II
  • una comunicazione sulla revisione della Direttiva Solvency II.
  • una proposta legislativa per una nuova Direttiva sul risanamento e la risoluzione nel settore assicurativo.

L’obiettivo della revisione odierna è rafforzare il contributo degli assicuratori europei al finanziamento della ripresa, al completamento dell’Unione dei mercati dei capitali e all’incanalamento dei fondi verso il Green Deal europeo.

Alcuni punti chiave delle novità adottate dalla Commissione UE:

  • i cambiamenti odierni proteggeranno meglio i consumatori e garantiranno che le imprese di assicurazione restino solide, anche in tempi economici difficili;
  • i consumatori (“contraenti”) saranno meglio informati sulla situazione finanziaria del loro assicuratore;
  • i consumatori saranno meglio tutelati quando acquistano prodotti assicurativi in altri Stati membri grazie a una migliore cooperazione tra le autorità di vigilanza;
  • gli assicuratori saranno incentivati a investire di più in capitale a lungo termine, a beneficio dell’economia;
  • la solidità finanziaria degli assicuratori consentirà di tenere maggiormente conto di alcuni rischi, compresi quelli legati al clima, e li renderà meno esposti alle fluttuazioni del mercato a breve termine;
  • l’intero settore sarà esaminato meglio per evitare che la sua stabilità sia messa a repentaglio.