WEBINAR / 09 marzo
Pegno mobiliare non possessorio: al via il nuovo regime
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 17/02

WEBINAR / 09 marzo
Pegno mobiliare non possessorio
www.dirittobancario.it
Flash News

Ritardi di pagamento: consultazione UE sulle modifiche alla Direttiva

17 Gennaio 2023
Di cosa si parla in questo articolo

La Commissione europea ha avviato una consultazione per la revisione della Direttiva 2011/7/UE sui ritardi di pagamento.

La direttiva sui ritardi di pagamento (direttiva 2011/7/UE) stabilisce una serie comune di regole volte a contrastare i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali tra imprese (B2B) e tra pubbliche amministrazioni e imprese (G2B) standardizzando i termini di pagamento, i tassi di interesse e il risarcimento dei costi di recupero.

Tale direttiva mira a promuovere un “passaggio deciso verso una cultura dei pagamenti rapidi” nel contesto economico dell’UE.

La revisione ha l’obiettivo di promuovere una cultura dei pagamenti rapidi basata su tre pilastri:

  1. definire a livello giuridico i pagamenti rapidi contrastando attivamente quelli tardivi. Definizione di misure volte a evitare che i creditori (in particolare gli operatori più piccoli) incorrano in ritardi di pagamento. Ai fini di tale obiettivo le opzioni potrebbero includere:
    • l’istituzione di un limite ai termini di pagamento nelle transazioni B2B;
    • l’introduzione di deterrenti più efficaci (pagamento automatico degli interessi, aumento del tasso d’interesse, chiarimento delle norme sui risarcimenti di importo forfettario);
    • il chiarimento delle norme che riguardano le procedure di verifica;
    • la definizione di prassi e clausole inique;
    • la previsione di un obbligo per le amministrazioni aggiudicatrici di garantire che gli appaltatori principali paghino i propri subappaltatori in modo puntuale.
  1. facilitare la puntualità dei pagamenti promuovendo l’uso di strumenti di pagamento digitali moderni e costruendo un contesto imprenditoriale favorevole alle PMI e ai pagamenti puntuali. Per raggiungere tale obiettivo le opzioni potrebbero includere:
    • il miglioramento delle condizioni quadro per l’adozione di strumenti di pagamento digitali moderni;
    • maggiore disponibilità e accesso alla formazione per la gestione del credito e l’alfabetizzazione finanziaria (nonché digitale) per le PMI;
    • l’istituzione di criteri minimi comuni per i programmi di pagamento rapido;
    • l’istituzione di un osservatorio UE dei pagamenti;
    • l’istituzione di un meccanismo che premi i pagamenti rapidi nelle procedure di appalto pubblico.
  1. rafforzare la prevenzione e l’applicazione della normativa affinché i pagamenti rapidi diventino la norma in tutti i settori industriali. Stabilire mezzi di ricorso efficaci contro gli eventuali ritardi di pagamento (approccio “reattivo”). Ai fini di tale obiettivo le opzioni potrebbero includere:
    • un utilizzo maggiormente diffuso dei sistemi di mediazione per risolvere più velocemente le controversie sui pagamenti, proteggendo allo stesso tempo le relazioni d’affari;
    • la designazione da parte dei governi dell’UE di autorità nazionali che gestiscano i reclami e avviino azioni di esecuzione ufficiali;
    • l’introduzione di sanzioni amministrative.

La consultazione avrà termine il 9 febbraio 2023.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 09 marzo
Pegno mobiliare non possessorio: al via il nuovo regime
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 17/02
Iscriviti alla nostra Newsletter