WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale


Impatti per il settore finanziario

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 03/02

WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale
www.dirittobancario.it
Flash News

Rischi climatici: raccomandazioni FSB alla vigilanza

14 Ottobre 2022
Di cosa si parla in questo articolo
FSB

Il Financial Stability Board (FSB) ha pubblicato oggi due rapporti nell’ambito della sua attività per affrontare i rischi climatici, delineata nella propria Roadmap:

  • un rapporto sugli approcci di vigilanza e regolamentazione ai rischi climatici. Il rapporto mira ad assistere le autorità di vigilanza e di regolamentazione nello sviluppo dei loro approcci per monitorare, gestire e mitigare i rischi intersettoriali e di sistema derivanti dai cambiamenti climatici e per promuovere approcci coerenti tra settori e giurisdizioni.
  • un rapporto sullo stato di avanzamento dell’informativa sui rischi climatici, che fa il punto sui progressi compiuti nell’ultimo anno dal nuovo standard globale, dalle autorità nazionali e locali e dalle imprese.

Approcci di vigilanza e regolamentazione ai rischi climatici

Il rapporto fornisce raccomandazioni per promuovere la coerenza nello sviluppo degli approcci di vigilanza nazionali per monitorare, gestire e mitigare i rischi derivanti dai cambiamenti climatici.

Le raccomandazioni riguardano:

Segnalazioni di vigilanza e regolamentazione e raccolta di dati relativi al clima da parte delle istituzioni finanziarie.

Le raccomandazioni incoraggiano le autorità ad accelerare l’identificazione del loro fabbisogno di dati per gli obiettivi di vigilanza e regolamentazione; identificano i tipi di dati e le metriche pertinenti che potrebbero richiedere alle istituzioni finanziarie; e forniscono considerazioni politiche chiave per assistere le autorità nel loro lavoro futuro verso l’espansione di requisiti regolari di reporting normativo standardizzato.

Approcci di vigilanza e regolamentazione a livello di sistema e misura in cui gli strumenti e le politiche di vigilanza e regolamentazione affrontano i rischi climatici.

Le autorità sono incoraggiate ad ampliare l’uso dell’analisi degli scenari climatici e delle prove di stress a fini macroprudenziali. Man mano che gli approcci si svilupperanno e matureranno nei prossimi anni, nel 2024 l’FSB prenderà in considerazione la possibilità di condurre una peer review delle prassi di vigilanza e regolamentazione rispetto alle sue raccomandazioni. L’FSB prenderà inoltre in considerazione la possibilità di aggiornare le proprie raccomandazioni nel 2025.

Considerazione tempestiva di altre potenziali politiche e strumenti macroprudenziali.

Il rapporto rileva che gli strumenti microprudenziali da soli potrebbero non essere sufficienti ad affrontare le dimensioni intersettoriali, globali e sistemiche dei rischi legati al clima. Le autorità e gli organismi di normazione sono incoraggiati a intraprendere ricerche e analisi a breve e medio termine sui miglioramenti appropriati ai loro quadri normativi e di vigilanza.

Relazione sullo stato di avanzamento dell’informativa sui rischi climatici

Questo rapporto analizza i seguenti aspetti:

I progressi compiuti dall’International Sustainability Standards Board (ISSB) nello sviluppo del suo standard di riferimento globale.

L’emissione tempestiva di uno standard globale di riferimento per l’informativa sul clima, pronto per essere adottato in tutte le giurisdizioni, è fondamentale per fornire agli investitori e agli altri stakeholder informazioni utili per le decisioni sui rischi e le opportunità legati al clima. I rapporti sui progressi compiuti dall’ISSB nella definizione dello standard di riferimento globale; sul lavoro dell’International Auditing and Assurance Standards Board, dell’International Ethics Standards Board for Accountants e anche della IOSCO nel sostenere il lavoro sugli standard di divulgazione e di garanzia.

Azioni intraprese dalle giurisdizioni per richiedere o promuovere l’informativa sui rischi climatici.

Le autorità finanziarie della maggior parte delle giurisdizioni membri dell’FSB, comprese diverse economie emergenti e in via di sviluppo, hanno intrapreso ulteriori azioni per definire requisiti, orientamenti o aspettative sull’informativa in materia di clima rispetto allo scorso anno. Il rapporto riassume le azioni e sottolinea la necessità di garantire l’interoperabilità dello standard di base globale con i framework nazionali.

Di cosa si parla in questo articolo
FSB

WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale


Impatti per il settore finanziario

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 03/02