WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche


Novità normative e problematiche attuali

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 19/06


WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche
www.dirittobancario.it
Flash News

Rateizzazione cartelle esattoriali: la guida dell’Agenzia delle Entrate

23 Maggio 2024
Di cosa si parla in questo articolo

L’Agenzia delle Entrate e l’Agenzia delle entrate-Riscossione (AdeR) hanno pubblicato una guida che fornisce informazioni su quali somme oggetto di cartelle esattoriali siano rateizzabili, come presentare la domanda, le modalità di pagamento delle rate e gli effetti della rateizzazione o dell’eventuale decadenza.

  • Lo scopo

L’obbiettivo è quello di agevolare i contribuenti negli adempimenti fiscali, grazie alla possibilità di avere in un unico documento tutte le informazioni necessarie, dai servizi digitali disponibili, alla normativa di riferimento, tramite un percorso di lettura, integrato e coordinato, che rende più facile e semplice trovare le indicazioni necessarie.

Ciò con l’auspicio di consentire ai contribuenti che vogliono mettersi in regola con il versamento delle somme richieste da AdeR in avvisi e cartelle di pagamento, ma non riescono a pagare in un’unica soluzione, di rateizzare agevolmente le somme da versare in più rate.

  • Ambito applicativo delle rateizzazioni

L’Agenzia ricorda che l’art. 19 del DPR n. 602/1973 e l’art. 26 del D. Lgs. n. 46/1999 attribuiscono all’Agente della riscossione il potere di dilazionare il pagamento delle somme iscritte a ruolo: i contribuenti possono chiedere ad Agenzia delle entrate-Riscossione di rateizzare le somme da versare in base all’ammontare del debito e alle condizioni economiche dichiarate o documentate.

Rientrano nell’ambito applicativo della rateizzazione, le somme iscritte a ruolo da:

  • Amministrazioni statali, Agenzie istituite dallo Stato, Autorità amministrative indipendenti e altri Enti pubblici previdenziali
  • altri Enti creditori (Comuni, Regioni, ecc.) a meno che non abbiano optato, comunicandolo ad AdeR, per una diversa determinazione che produrrà effetti a partire dal 30° giorno successivo alla ricezione della comunicazione.

Le rateizzazioni su cartelle esattoriali, in particolare, possono essere concesse:

  • per una durata massima di sei anni in caso di rateizzazione ordinaria (entro i 120.000 Euro; per importi superiori è necessario allegare anche la documentazione che attesti la temporanea situazione di obiettiva difficoltà economica)
  • per una durata sino a 10 anni in caso di rateizzazione straordinaria (se il contribuente si trova in comprovata e grave situazione legata alla congiuntura economica).

Tale durata è prorogabile, per una sola volta, compatibilmente con il limite minimo di 50 euro a rata.

  • Gli effetti

Durante la rateizzazione, Ader non può avviare nuove azioni cautelari o esecutive sul debito rateizzato oggetto delle cartelle esattoriali; inoltre, al pagamento della prima rata, è sospeso l’eventuale fermo amministrativo disposto in precedenza sul bene mobile registrato (a condizione che tutti i debiti oggetto del fermo siano stati ricompresi nell’istanza di dilazione); infine, è possibile ottenere il Durc regolare (in assenza di altri debiti previdenziali non rateizzati).

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche


Novità normative e problematiche attuali

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 19/06

Una raccolta sempre aggiornata di Atti, Approfondimenti, Normativa, Giurisprudenza.
Iscriviti alla nostra Newsletter