WEBINAR / 20 gennaio
Rapporti bancari e successioni mortis causa


Regole applicabili - Problematiche interpretative e soluzioni - Orientamenti ABF e giurisprudenziali

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 23/12

WEBINAR / 20 gennaio
Rapporti bancari e successioni mortis causa
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Pubblicate le motivazioni della Cassazione sulla confermata punibilità del falso valutativo in termini di false comunicazioni sociali

14 Gennaio 2016

Cassazione Penale, Sez. V, 12 gennaio 2016, n. 890

Di cosa si parla in questo articolo

Pubblicate le motivazioni della sentenza dell’12 gennaio 2016 n. 890 (ud. 12 novembre 2015) con cui la Cassazione, come già anticipato in un’informativa provvisoria (cfr. contenuti correlati), ha confermato che il falso cd. valutativo deve considerarsi ancora punibile anche a seguito della modifica dell’art. 2621 c.c., introdotta dall’art. 9 della legge 27 maggio 2015 n. 69.

Il particolare, la Cassazione ha affermato il principio secondo cui integra il reato di bancarotta fraudolenta impropria “da reato societario”, anche in base alla nuova formulazione dell’art. 2621 cod. civ., introdotta dalla L. 27 maggio 2015, n. 69, la omessa svalutazione dei crediti in sofferenza, nella specie pari al 62% del totale dei crediti, attuata nella consapevolezza della impossibilità o estrema difficoltà della loro riscossione, trattandosi di condotta dotata di capacità decettiva, che consente una mendace rappresentazione di solidità patrimoniale e finanziaria della società e la prosecuzione di ingiustificati prelievi dalle casse sociali.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 20 gennaio
Rapporti bancari e successioni mortis causa


Regole applicabili - Problematiche interpretative e soluzioni - Orientamenti ABF e giurisprudenziali

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 23/12
Iscriviti alla nostra Newsletter