WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche


Novità normative e problematiche attuali

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 19/06


WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche
www.dirittobancario.it
Flash News

Proprietà intellettuale: il pacchetto Ue di riforma del regime dei brevetti

2 Maggio 2023

News originale del 27 aprile aggiornata con i testi delle proposte che si pubblicano in allegato.


La Commissione europea ha proposto nuove norme per supportare le imprese, soprattutto le piccole e medie imprese (PMI), a sfruttare al meglio le loro invenzioni, a far leva sulle nuove tecnologie e a contribuire alla competitività e alla sovranità tecnologica dell’UE mediante la modifica del regime normativo dei brevetti.

I regolamenti proposti sui brevetti essenziali standard, sulla concessione di licenze obbligatorie per i brevetti in situazioni di crisi e la revisione della legislazione sui certificati complementari di protezione creeranno un quadro di diritti di proprietà intellettuale più trasparente, efficace e a prova di futuro.

I beni immateriali come marchi, disegni, brevetti e dati sono sempre più importanti nell’odierna economia della conoscenza.

La proprietà intellettuale (PI) è un motore fondamentale per la crescita economica, in quanto aiuta le aziende a trarre valore dai loro beni immateriali.

Le industrie ad alta intensità di proprietà intellettuale rappresentano quasi la metà di tutto il PIL e oltre il 90% di tutte le esportazioni dell’UE. Nel periodo 2017-2019, quasi il 76% del commercio intra-UE è stato generato da industrie ad alta intensità di brevetti.

Le proposte integreranno il sistema del brevetto unitario, che sarà operativo dal 1° giugno. I rispettivi punti di partenza sono le disposizioni e i principi esistenti del diritto internazionale e dell’UE in materia di proprietà intellettuale, ma ciascuno di essi mira a rendere più efficace il sistema dei brevetti eliminando ulteriormente la frammentazione del mercato unico, riducendo la burocrazia e migliorando l’efficienza.

Questo solido quadro brevettuale consentirà agli operatori economici e alle autorità competenti di proteggere meglio l’innovazione, garantendo al contempo un accesso equo, anche in situazioni di emergenza.

Queste iniziative in materia di brevetti affrontano le seguenti aree chiave:

Brevetti standard essenziali

I brevetti standard essenziali (SEP) sono brevetti che proteggono la tecnologia dichiarata essenziale per l’implementazione di uno standard tecnico adottato da un’organizzazione di sviluppo di standard (SDO). Tali standard riguardano ad esempio la connettività (ad esempio, 5G, Wi-Fi, Bluetooth, NFC) o gli standard di compressione e decompressione audio/video.

Per realizzare un prodotto conforme agli standard, un implementatore è obbligato a utilizzare i relativi brevetti “essenziali”.

Il monopolio garantito da questi brevetti specifici è bilanciato dall’impegno dei titolari dei SEP a concedere in licenza questi brevetti a condizioni eque, ragionevoli e non discriminatorie (FRAND), consentendo l’accesso al mercato agli implementatori.

Il quadro proposto per le licenze SEP mira a creare un sistema equilibrato, stabilendo un punto di riferimento globale per la trasparenza dei SEP, la riduzione dei conflitti e l’efficienza delle negoziazioni. Ha i seguenti due obiettivi principali:

  • Garantire che i titolari e gli attuatori di SEP dell’UE innovino nell’UE, producano e vendano prodotti nell’UE e siano competitivi sui mercati globali.
  • Garantire che gli utenti finali, comprese le PMI e i consumatori, possano beneficiare di prodotti basati sulle più recenti tecnologie standardizzate a prezzi equi e ragionevoli.

Licenze obbligatorie

Le licenze obbligatorie dei brevetti consentono a un governo di autorizzare l’uso di un’invenzione brevettata senza il consenso del titolare del brevetto. Gli accordi di licenza volontaria con i produttori sono in genere lo strumento preferito per incrementare la produzione, ma nel caso in cui gli accordi volontari non siano disponibili o adeguati, le licenze obbligatorie possono contribuire a fornire l’accesso a prodotti e tecnologie chiave rilevanti per la crisi come ultima risorsa in tempi di crisi. Attualmente esiste un mosaico di 27 regimi nazionali di licenze obbligatorie, anche se molte catene del valore operano in tutta l’UE. Ciò può essere fonte di incertezza giuridica sia per i titolari che per gli utenti dei diritti di proprietà intellettuale.

Le nuove norme prevedono un nuovo strumento per la concessione di licenze obbligatorie a livello europeo che andrebbe a integrare gli strumenti di crisi dell’UE, come lo strumento di emergenza del mercato unico, i regolamenti HERA e la legge sui chip.

All’indomani della crisi COVID-19, queste nuove norme rafforzano ulteriormente la resilienza dell’Unione alle crisi, garantendo l’accesso a prodotti e tecnologie brevettati fondamentali in caso di crisi, qualora gli accordi volontari non siano disponibili o adeguati.

Certificati complementari di protezione

Il Certificato di Protezione Supplementare (CPS) è un diritto di proprietà intellettuale che estende la durata di un brevetto (fino a cinque anni) per un prodotto farmaceutico umano o veterinario, o per un prodotto fitosanitario, che è stato autorizzato dalle autorità di regolamentazione.

Il suo scopo è incoraggiare l’innovazione e promuovere la crescita e l’occupazione in questi settori. Tuttavia, la protezione SPC è disponibile solo a livello nazionale. Di conseguenza, l’attuale sistema soffre di frammentazione, che porta a procedure complesse e costose, oltre che all’incertezza giuridica.

Questa iniziativa introduce un CPC unitario a complemento del brevetto unitario.

La riforma del CPC introduce anche una procedura di esame centralizzata, attuata dall’EUIPO, in stretta collaborazione con gli uffici nazionali dell’UE per la proprietà intellettuale. In base a questo regime, una singola domanda sarà sottoposta a un unico processo di esame che, se positivo, porterà alla concessione di CPC nazionali per ciascuno degli Stati membri designati nella domanda. La stessa procedura può anche portare alla concessione di un CPC unitario.


WEBINAR / 05 Luglio
e-IDAS2, contratti dematerializzati e firme elettroniche


Novità normative e problematiche attuali

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 19/06


WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06

Iscriviti alla nostra Newsletter