WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale


Impatti per il settore finanziario

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 03/02

WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale
www.dirittobancario.it
Flash News

Pioggia di Euro per le banche spagnole

12 Giugno 2012

Consultique

Situazione di mercato

12.06.2012 – La settimana appena trascorsa si è incentrata sul destino della Spagna e del suo sistema bancario. L’Eurogruppo, facendo opera di pressing sul governo spagnolo, ha sollecitato infatti una rapida soluzione della problematiche degli istituti finanziari iberici, vera e propria bomba ad orologeria in seno alla zona Euro, come se non bastasse l’ormai imminente appuntamento elettorale in Grecia. Da molte parti arriva l’esortazione a Madrid di utilizzare gli strumenti a disposizione se si venissero a creare condizioni di inaspettata gravità e urgenza. Come già per gli altri paesi in cui si sono verificati eventi simili, accettare gli aiuti significa, in modo progressivo, accettare una invasione nel territorio della sovranità nazionale ed infatti, a Madrid, in cambio degli aiuti si chiede una riforma del settore finanziario. Il governo iberico per ora non ha ufficialmente avanzato alcune richiesta di aiuti e ha tentato di resistere al pressing dei paesi europei, affermando che prima analizzerà il rapporto stilato dal FMI secondo cui sono i 40 miliardi di euro necessari alla ricapitalizzazione delle banche. In realtà, i ministri delle finanze della zona Euro sono pronti ad impegnarsi per una cifra fino a 100 miliardi di euro, esborso che andrà in effetto valutata nella sua consistenza. l rapporto dei tecnici del Fmi sulle banche spagnole era atteso per lunedì ma, vista la situazione d'emergenza è stato già pubblicato. Secondo il Fondo monetario, che ha visto le proprie stime al ribasso, la cifra di 40 miliardi di euro potrebbe non essere sufficiente per appianare i debiti degli istituti spagnoli. "In questo contesto – ha avvertito il Fmi – il pil della Spagna cadrebbe di un 4,1% nel 2012 e il tasso di disoccupazione raggiungerebbe il 26,6%". Restano comunque elementi di criticità al suo interno. "Le autorità spagnole hanno recentemente accelerato le riforme del settore finanziario per ridurre le vulnerabilità del sistema", ha osservato il Fondo, rilevando, tuttavia, che la crisi economica potrebbe provocare "nuove perdite per le banche" spagnole. Gli aiuti per la Spagna arriverebbero attraverso il fondo salva-stati, secondo un meccanismo inedito che andrebbe a salvare il comparto bancario iberico. In questo contesto, Fitch ha declassato il debito di Madrid, con il rating sceso di tre gradi a “BBB” mentre il resto d’Europa si prepara a vivere la settimana di vigilia delle elezioni in Grecia. E a proposito del paese ellenico, Moody’s afferma che Un´uscita della Grecia dall´euro non lascerebbe immuni da declassamenti nemmeno i Paesi dell´Eurozona che oggi godono del rating tripla A.

Outlook tecnico

L’ottava appena trascorsa ha riportato un minimo di positività sui mercati internazionali, con gli operatori che hanno scommesso su una soluzione di tipo “bailout” per la Spagna. Il rimbalzo tecnico è scattato da livelli di supporto statici, anche in considerazione dell’ipervenduto generato. Outlook neutro positivo sul brevissimo, ma sul medio già si possono individuare le importanti resistenze sugli indici che vanno in parallelo con il newsflow politico e finanziario.

 

 

AVVERTENZA: tutte le presenti informazioni NON DEVONO in alcun modo essere considerate un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di valori mobiliari, avendo carattere meramente informativo. Le presenti informazioni sono state redatte con la massima perizia possibile in ragione dello stato dell’arte delle conoscenze e delle tecnologie. La loro accuratezza e la loro affidabilità non sono comunque in alcun modo e forma fonte di responsabilità da parte di Bancaria Consulting S.r.l., dei suoi soci, delle persone che vi lavorano o collaborano per la preparazione delle medesime. Ogni notizia o opinione espressa nelle presenti informazioni può essere soggetta a cambiamenti o modifiche senza preavviso. In nessun caso Bancaria Consulting S.r.l. o uno qualsiasi dei suoi soci, delle persone che vi lavorano o collaborano potranno essere ritenuti responsabili per danni di qualunque tipo, diretti o indiretti, derivanti o in altro modo legati all’accesso, all’uso o alla divulgazione delle presenti informazioni.


WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/01