WEBINAR / 09 marzo
Pegno mobiliare non possessorio: al via il nuovo regime
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 17/02

WEBINAR / 09 marzo
Pegno mobiliare non possessorio
www.dirittobancario.it
Flash News

Obbligazioni bancarie garantite: in pubblica consultazione le modifiche alle disposizioni di vigilanza

7 Aprile 2014
Di cosa si parla in questo articolo

Banca d’Italia ha posto in pubblica consultazione un documento di revisione delle disposizioni di vigilanza in materia di obbligazioni bancarie garantite, che andranno a confluire nella Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 “Disposizioni di vigilanza per le banche”.

La presente proposta di revisione normativa origina dal Regolamento (UE) n. 575/2013 sui requisiti prudenziali per gli enti creditizi (CRR), direttamente applicabile alle banche dal 01 gennaio 2014, che disciplina la definizione del capitale regolamentare e il sistema dei requisiti patrimoniali a fronte delle diverse tipologie di rischi.

Con la Circolare della Banca d’Italia n. 285 del 17 dicembre 2013 sono state apportate le conseguenti modifiche alla disciplina prudenziale per le banche, in particolare sono state esercitate le discrezionalità attinenti alla disciplina dei fondi propri nel periodo di prima applicazione del nuovo quadro normativo (cfr. Circolare n. 285, Parte II, Capitolo 14).

La nuove definizioni di capitale e i livelli minimi dei coefficienti patrimoniali introdotti dal CRR rendono necessario rivedere la disciplina delle obbligazioni bancarie garantite in modo da assicurare l’allineamento alla disciplina comunitaria direttamente applicabile.

Formano oggetto della presente consultazione, in particolare, la revisione dei requisiti per l’emissione di obbligazioni bancarie garantite e il sistema dei limiti alla cessione di attivi idonei. Lo schema di disposizioni sottoposto a consultazione contiene, inoltre, le integrazioni necessarie ad assicurare la piena effettività delle previsioni del CRR in materia di informativa agli investitori sulle caratteristiche del cover pool. Infine, si incorporano nelle disposizioni indicazioni e orientamenti su aspetti applicativi e fattispecie particolari, già comunicati al sistema o a singoli intermediari in risposta a quesiti normativi.

Il termine ultimo per la presentazione di osservazioni, commenti e proposte è stato fissato per il 19 maggio 2014.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale


Impatti per il settore finanziario

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 03/02

WEBINAR / 09 marzo
Pegno mobiliare non possessorio: al via il nuovo regime
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 17/02
Iscriviti alla nostra Newsletter