WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale


Impatti per il settore finanziario

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 03/02

WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale
www.dirittobancario.it
Flash News

Notifica di passaporto imprese di investimento: in consultazione RTS e ITS ESMA

17 Novembre 2022
Di cosa si parla in questo articolo

L’ESMA ha posto in consultazione delle proposte di modifica dei propri RTS e ITS in materia di notifica di passaporto per le imprese di investimento che intendono fornire servizi transfrontalieri.

L’articolo 34 della MiFID II prevede che l’ESMA elabori progetti di norme tecniche di regolamentazione (RTS) e di norme tecniche di attuazione (ITS) per:

  • specificare le informazioni che devono essere notificate, tra l’altro, dalle imprese che intendono fornire servizi transfrontalieri senza lo stabilimento di una succursale
  • stabilire moduli, modelli e procedure standard per la trasmissione di informazioni a tale riguardo.

L’attuazione pratica della libera prestazione di servizi ai sensi dell’articolo 34 della MiFID II (FPS) ha evidenziato alcune carenze e ha messo in luce casi in cui sarebbe utile apportare miglioramenti agli RTS e agli ITS per aiutare meglio le autorità nazionali competenti (NCA) a raggiungere i loro obiettivi di vigilanza.

Nel monitorare la fornitura di servizi di investimento ai clienti al dettaglio in tutta l’UE, l’ESMA e le NCA hanno notato il continuo aumento delle attività transfrontaliere fornite nell’ambito del regime FPS della MiFID II.

Questo aumento è dovuto a diversi fattori, tra cui lo sviluppo del mercato unico e la digitalizzazione dei servizi finanziari, che facilita ulteriormente la fornitura di servizi transfrontalieri da parte delle imprese.

La pandemia ha inoltre creato condizioni che hanno contribuito ad aumentare l’esposizione degli investitori al dettaglio, anche a livello transfrontaliero.

L’aumento dei servizi transfrontalieri comporta evidenti vantaggi per i consumatori e le imprese di investimento, in quanto favorisce la concorrenza, amplia l’offerta disponibile per i consumatori e il mercato per le imprese.

Si tratta di uno sviluppo positivo, coerente con l’obiettivo di sviluppare il mercato unico dei servizi finanziari nell’UE.

Allo stesso tempo, questi sviluppi richiedono chiaramente che le autorità nazionali garanti della concorrenza si concentrino maggiormente sulla vigilanza delle attività transfrontaliere e sulla cooperazione.

Uno sviluppo delle attività transfrontaliere non accompagnato da una maggiore attenzione alla vigilanza rischia di minare la fiducia degli investitori e di ritorcersi contro la realizzazione del mercato unico.

Un’efficace vigilanza da parte delle autorità nazionali garanti della concorrenza sui soggetti che forniscono servizi di investimento su base transfrontaliera è quindi di fondamentale importanza per garantire che i clienti, soprattutto quelli al dettaglio, ricevano un adeguato livello di protezione indipendentemente dalla giurisdizione di origine delle entità che offrono tali servizi.

Ai sensi della MiFID II, la libera prestazione di servizi nell’UE (senza stabilimento negli Stati membri ospitanti) si basa sulla vigilanza dell’autorità nazionale garante della concorrenza (NCA) del paese d’origine e sulla cooperazione tra l’ANC del paese d’origine e quella del paese ospitante.

Qualsiasi impresa di investimento che intenda prestare per la prima volta servizi o attività nel territorio di uno Stato membro diverso da quello d’origine, o che intenda modificare la gamma di servizi o attività prestati, deve notificare alla propria NCA del paese d’origine la sua intenzione di farlo attraverso una notifica di passaporto per servizi e attività di investimento (come definito all’articolo 2, lettera a), del regolamento delegato (UE) 2017/1018 della Commissione).

Le informazioni che l’autorità nazionale garante della concorrenza riceve attraverso la notifica del passaporto per i servizi e le attività di investimento possono quindi svolgere un ruolo fondamentale nell’aumentare il controllo dell’autorità nazionale garante della concorrenza sulle attività transfrontaliere di un’impresa di investimento o sui suoi piani di attività transfrontaliere.

Il presente documento di consultazione introduce una serie di modifiche agli attuali RTS e ITS, aggiungendo i seguenti elementi alle informazioni che le imprese di investimento sono tenute a fornire nella fase di notifica di passaporto:

  • i mezzi di marketing che l’impresa utilizzerà negli Stati membri ospitanti;
  • la lingua o le lingue per le quali l’impresa di investimento dispone delle disposizioni necessarie per trattare i reclami dei clienti di ciascuno degli Stati membri ospitanti in cui presta servizi;
  • in quali Stati membri l’impresa utilizzerà attivamente il passaporto e le categorie di clienti a cui si rivolge;
  • l’organizzazione interna dell’impresa di investimento in relazione alle attività transfrontaliere dell’impresa.

La consultazione avrà termine il 17 febbraio 2022.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/01