WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale


Impatti per il settore finanziario

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 03/02

WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale
www.dirittobancario.it
Flash News

Non-default losses: consultazione CPMI e IOSCO sulla gestione da parte delle CCP

22 Agosto 2022
Di cosa si parla in questo articolo

Il Comitato per i pagamenti e le infrastrutture di mercato (CPMI) della Banca dei Regolamenti Internazionali (BIS) e IOSCO hanno posto in pubblica consultazione un documento sulle pratiche delle controparti centrali (CCP) per affrontare le non-default losses (NDL).

In particolare, il documento evidenzia come le controparti centrali siano diventate sempre più importanti nel sistema finanziario per la gestione del rischio di controparte, soprattutto dopo l’introduzione dell’obbligo di compensazione per i derivati OTC STS in seguito alla crisi finanziaria globale del 2007-2009.

Pertanto, la resilienza delle controparti centrali in caso di perdite e carenze di liquidità – sia che derivino dall’inadempimento dei membri della CCP che da eventi non di default (ad esempio perdite dovute ad attacchi informatici) – è diventata fondamentale per la stabilità finanziaria.

Gli eventi non di default possono minacciare la continuità aziendale di una CCP e la sua capacità di continuare a fornire servizi critici.

Pertanto, secondo i Principi per le infrastrutture dei mercati finanziari (PFMI), le CCP devono adottare misure e disporre di politiche, procedure e piani per affrontare gli NDL, oltre a un solido quadro di gestione del rischio per attenuare e gestire tali rischi.

Il presente documento mira a supportare gli sforzi del settore e a promuovere il dialogo sui concetti e i processi chiave utilizzati dalle controparti centrali.

Il documento illustra le pratiche correnti di varie CCP per affrontare le Non-default losses in scenari di business as usual (BAU), di ripresa e di liquidazione ordinata.

Il documento non intende creare standard aggiuntivi per le CCP oltre a quelli stabiliti nei PFMI.

Non intende neppure valutare se le CCP abbiano attuato in modo appropriato gli standard stabiliti nei PFMI in materia di Non-default losses.

Il documento è accompagnato da una nota di accompagnamento che elenca alcune delle questioni specifiche sulle quali la CPMI e IOSCO sollecitano i contributi del settore e del pubblico in generale.

La consultazione avrà termine il 4 ottobre 2022.

 

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/01